Archivio storico dell'arte — 4.1891

Seite: 189
DOI Heft: 10.11588/diglit.18090.24
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18090.29
DOI Seite: 10.11588/diglit.18090#0221
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1891/0221
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
NUOVI DOCUMENTr

189

Acta sunt haeo in dicto monasterio et in camera
abbatis dio xxi mensis januarii wdxx. In quorum fidem
et testimonium.

(-Seguono le firme).

Jesus 1521: 25: febbrajo
(FA, voi. II, p. 55).

Sia noto conio ■ io • doni. Yincentio da napoli Abbate
del monasterio di S. Justina di padua con consenti-
mento de li superiori del ditto monasterio * ho conducto
miser Alixandro leopardi da venetia • per proto de la
fabricha de la chiesia che si ha a fare in ditto mona-
sterio • il quale hauera la cura principal dela ditta fa-
brica de ordinare aprincipio vsque ad finem la compo-
sition • et forma de quella • et far fare vno modello • a
tutte spese del nostro monasterio • sopra il piano che
e sta fatto * cum li ornamenti che parano più cvnde-
centi, et per suo premio siamo dacordio che hauera
ogni anno ducati cinquanta * formento stara vinticinque
ala misura de venetia vino earra dui et lino libre cin-
quanta • conducte a venetia a spesa del monasterio •
excepto el datio del vino de venetia loquale esso mi-
ser alixandro hauera apagare, loquale miser Alixandro
si obliga et promete di vegnire qui in padua • dui volte al
mese ho (sic) più se bisognerà ad ogni rechiesta deli go-
vernatori del ditto monasterio per ordinare la ditta fa-
brica laquale promete fare coni ogni diligentia et fede
et proportionata et ornata; Comenza el tempo suo della
ditta prouision adi primo febr. 1521 • et durerà perfino
al compimento dessa fabrica * dichiarando che li deba
correre el suo sallario siue prouision per quello tempo
che si lauorerà et in fede di questo e sta facta questa
scripta sotoscripta de mano dele sopraditte parti in
padua in lo ditto monasterio de sancta Justina adi 15
febr. 1521.

Jo d. Yincentio de napoli manu propria in fidem
premissorum etc.

Io alesandro leopardi son contento de quanto e so-
prascritto.

(FA, II, p. 57).

1521 adi primo Luio in padoa, in monasterio de
sancta Justina.

Perche adi 25 feurer prosimo passato, fu fato doi
scritti de uno medesimo tenor de man del padre D. Al-
berto Cellerario de santa Justina, soto scriti de man
del padre rev. dom. Yincentio da napoli abbate alhora
de santa Justina, et soto scriti etiam de man de me-
ser Alexandro leopardi da venetia, luno dei qualli e
apreso de lui, laltro apreso el monasterio, per li quali
fu conduto per proto de la fabrica de la nostra Griesia
el ditto messer Alexandro co li pati conio in quelli, et

inter cetera el dito se obliga far uno modello a spexe
del monasterio sopra el pian fu fato, qual habi hauer
tute sue proportion e adornamenti e perche al presente
è venuto de qui con una parte de ditto modello, per
la quale non se poi judicar corno dito modello, hauera
a star, et se hauera le sue proportioni secondo archi-
tetura et che piasano ali padri del dito monasterio de
santa Justina, inpero el padre rev. do Joamaria da
Chrema al presente abbate de dito monasterio insieme
con tuti li superiori, hanno fato far questa scrittura
oltra che a bocha, hanno dito al dito mr. Alexandro
che uolgiano finir dito modello del tuto quanto accade
videlicet mexure e altro, et condurlo de qui per tuto
el mexe de auosto prosimo, conio lui se hanno oferto
de far, et quando sarà de qui che diti padri Reverendi
habino a far vedere a persone perite in dita arte, e
quando per li diti sia aprobato stiano ben, el dito rev.
padre abbate nostro con li altri padri intende chel dito
mr. Alexandro siano proto de dita fabrica con tuti li
pati neli scriti di sopra nominati.

Ma in caxu che dito modello per juditio de quelli
et etiam per consequens delli padri fusse reprobato, in
questo caxo el sopra scrito reu. pa. abbate con li altri
superiori (come a ogni justitia richiede) protesta al dito
mr. Alexandro, non lo voler più per protto de dita fa-
brica, et poter eleser ciaschedun altro ali diti parese
che haueseno afar modello e fabrica con raxone, acio
el Danaro del monasterio, non sia speso in Dano e scorno
del predito monasterio, e aquesta scritura li diti rev.
pa. superiori se sono qui soto, sotoscriti.

(FA, I, p. 47).

Essendo vui D. Alexandro leopardi sotto di 25 del
mese de Febraro 1521 more imperii nella cita de padoa
stato condutto dal R.° p. d. Yincentio da napoli tunc
Abbate De Sancta Justina de padua et dalli superiori
del dicto monasterio per proto de la fabrica de la nova
Chiesia che se ha da faro Et e principiata cum condi-
tion inter ceteras, come era ragionevole et necessario,
che far dovesti uno modello proporzionato Et cum li
ornamenti che parano condecenti etc prout in ipso con-
cordio sive scriptura sottoscripta etiam de manu nostra,
Et cum hoc sit che usque modo non habiati facto esso
modello, licet corno sapete, che essendo vui sollecitato
per necessita dopo più promission et termini tolti, pro-
mettesti finaliter expedirlo per tutto el mese de Au-
gusto proximo preterito. Il che cede ingrandissimo in-
comodo et malefitio de essa fabrica si perche quello
non si po continuar, nisi ex arbitrio che e fallace si
perche quello si ha facto e fa po esser incomposto non
proporzionato et inutile al bisogno, quando per esso
modello se vedesse tutta la fabrica integra, come già
in parte haveti dicto perho cusi omnino recercando il
bisogno per continuar la predicta fabrica Et non esser
loading ...