Archivio storico dell'arte — 4.1891

Seite: 191
DOI Heft: 10.11588/diglit.18090.24
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18090.29
DOI Seite: 10.11588/diglit.18090#0223
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1891/0223
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
NUOVI DOCUMENTI

191

Havendo tolto tempo a rispondere auno protesto, per
haverne copia, azio a tutte parte possa responder fac-
tome per el Reverendo Abbate D. Zuanmaria da Crema
al presente Abbate de Sancta Justina da Padova et su-
periori del dicto Monasterio, come in quello protesto
mal consultato et senza il timor de dio et del mondo,
confuso sino iure ami preposto. — Et prima rispondo
et dico che il modello de la chiesia de sancta Justina
che se ha ad fare per pacto expresso si e de fare a
tucte spese del dicto Monasterio: per tanto essendo facto
la mazor parte, li ho domandato assaissime volte danari
per compirlo si a esso domino abbate corno al suo Ce-
lerario, li quali corno inimici de essa fabbrica mai non
li possudo haver, ma sempre hanno dilatato il tempo,
conio Monachi che non hanno cura do la loro propria
conscientia, Et chel sia vero quello che io dico perche
questo mese, e lundecimo mese che li ho servito et mai
non ho possuto haver de la mia mercede uno dinaro
di quello da loro per pacto expresso iustamente debo
haver, anchora che qualche ducato per il suo servir
habia speso del mio, tanto, e, lo uso de la rason in voi
monachi che ancora al presente sine verecundia pre-
summette, et facto mi haveti Intender che debia com-
pir esso modello del mio che poi facto supplireti a
quello di più bavero speso in finir dicto modello. Quanto
aquesta proposta sia iusta convense judicare per altre
conscientie che le vostre messer lo Abbate, lo modello
non se compira se non dareti danari, et per questo non
sara prescripto tempo, essendo il mancamento vostro,
perche io son paratissimo ad observar quello che se
contiene in lo nostro contracto, Et voi cercati per Yie
oblique di franger et disturbar quello ha facto cum
Jntegra et sentialmente el vostro precessor et romper
la fede del monasterio vostro, non so qual merito da
dio aspectati in disturbar la più degna e regolata fa-
brica facta in Italia za annj tresento, et per far chiaro
vui haver pocho voler seguitar essa fabrica insieme cum
la perfidia del vostro favorito monaco, el qual havendo
comenza a disturbare essa fabrica, et zo non volendo
Jo consentir seti venuto a questo termine in questi
tempi indisposti et freddi a far si facte opere et sotto
ombra de foglie coprirvi, azo el sole non vi comprehenda,
digando essa fabrica non si puole senza modello fabri-
care esse fondamente, la qual vostra opinione e falsa
perche esse fondamente sonno sta principiate cum gran
sentimento et arte et bona parte de esse facte dal pru-
dente domino Abbate Yicenzo de napoli cum diligentia,
consulto del vostro proto cum le mesure proportionate
cum el piano dato che, e, il timone dele fondamente
sotto terra dimostrato per esso piano non poter esser
preso errore alchuno, et ex arbitrio fallare, conio vui
judicati, per tanto non se recerca im la fabrica de esse
fondamente modello, perchè el modello solamente de-
mostra la fabrica se havera a fare sopra terra, et non
sotto terra, Cessa adonque la cavillosa proposta inducta
a vui dal vostro favorito monacho disturbato!' di essa

fabrica et disgressor dela sua profession in voler cum
fraudo disturbar et franger li ordini de li sui mazori
et vui non senza peccato lo consentiti, siche la perfidia
del dicto monaco orbato de questo juditio et intelli-
gentia ve ha mosso a queste vie caliginose a farme
tale protesto che nulla vale: per tanto Vogliate meglio
considerare et fati ch'ognuno fazi el suo offitio, et le
cose andaranno bene et senza strepito et non mettereti
vui confusione in le cose vostre perche a questo effecto
seti facto abbate, azo ognuno fazi el suo debito, et fa-
zandolo ne havereti merito et laude. Et fati ch'io habia
la mia mercede, corno e justo et rasonevole, reportan-
dome sempre al juditio de la Justitia, servatis servan-
dis quovis modo.

(FA, 2, p. 25).

Havete vui domino Alexandro leopardo sotto il di
septimo del instante mexe fatto intimar in venetia por
ser bernardo de Cavaneis nodaro Al procurator nostro
miser Zuanne antonio venier una scriptura la qual as-
serite esser risposta de uno protesto fatto a vui et in-
timato dal medesmo nodaro sotto 18 decembrio, nomine
de nui abbate et superiori del monasterio de Sancta
Justina, et perchè al stato de boni religiosi non si ac-
convien de contender cum la mordacità dela lingua
vostra per la qual cum tanta petulantia et più ardita
di quello si richieda ad homo che temesse dio (o) al-
meno havesse qualche reverentia o modestia cum quelli
da chi pretendesse haver benefitio mercede et dicesse
esser al suo servitio, imperhochè annui pare che oltra
la negligentia et renitentia vostra voleti esser pagato
per infamator et detractor del nome nostro et de la
bona intention nostra, sicome alaude de dio diria ogni
altro che vui de nui et de lopere nostre, ma ben vo-
lemo dirvi facendovi intender acio la predita Audacia
vostra et poca consientia non vi trasporti a pegior co-
gitation et parole, che errate mendaciter in tute le
cosse che vui allegate, et inter cetera vi habiamo dato
usque modo per conto del modelo ducati 20, Item du-
cati 10 ne sono assignati dal monte vechio che già
forse havete scossi et a conto de vostro salario havete
havuto il formento et vino, nè dovete haver quello ve
imaginate cum ciò sia etiam che non havete satisfato
al debito vostro nè a piccola (?) parte di quello eri obbli-
gato, ma quando altro non fusse, non è indegna cossa
et aquel che se richiede et a vui che vi tenete optimo
maestro, sei si ha da far una fabrica solemne maxime
dela grandeza et importanza de questa chel non sia
fatto il modello, il qual certamente doveria esser sta
fatto quondam prima che si metesse pietra in fonda-
menta, vui lo dovete per ogni onesto rispetto haver
fatto et compito et per necessità et per il debito vostro,
et nui faremo sempre quello sia de ragione et la parte
nostra sicome havemo fatto, non obstante le calunnie
loading ...