Archivio storico dell'arte — 4.1891

Seite: 193
DOI Heft: 10.11588/diglit.18090.24
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18090.29
DOI Seite: 10.11588/diglit.18090#0225
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1891/0225
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
NUOVI DOCUMENTI

193

ciendi propter quod constat de jure suo preceptum im-
petrandi quod clarius demonstrabitur facta pronuntia
super competenti a jurisdictionis et in presentiarum ne
frustretur judicium, aliter jus suum non intendit dedu-
cere ex altera. Replicanteque prefacto domino franci-
sco opposita non esse vera, nec in facto nec in jure,
et quod per has vias indirectas non debet impediri
constructio et fabriehatio divine domus, ymo totis vi-
ribus operari quod cito ipsum templum dei construatur,
et aliis multis rationibus per eum in jure et in facto
allegatis, quibus et aliis hinc inde dictis. Revocavit man-
datimi factum magistro francisco murario et operariis
ad instantiam domini alexandri prothi de venetiis, Sal-
vis tamen quibuscumque juribus prefacti domini alexan-
dri si quod habet in reliquis contra monasterium et
dominos monacos sancte justine.

(FA, 2, p. 63).

In Cristi nomine. Considerando la fabricha de la
chiesia de Santa Justina da padoa esser impresa pon-
deroxa edenon pocha considerationne et masime nele
fondamenta de essa fabricha enezesario auertir grande-
mente in questi prenzepii et non eser fata et menada
cossi abrotlio (sic) come pare in questi zorni esser fata
per li maistri morari videlicet maistro frantonio et mai-
stro zaneto contra lordene de laraxon et de lordene
datoli per el sorastante de essa fabricha a confuxion
et ruina et danno del danaro de santa Justina con ver-
gongnia de esso monasterio ede tuti queli che in questa
fabricha intrauen scarno —

Impertanto io alexandro leopardi de Venezia conduto
soprastante de deta fabricha per el Rev. abate dora. Vin-
cenzo da napoli de consensi! do li Reverendi superiori
de esso monasterio come per scritura apar et per que-
sto accordo la cura prenzipal de essa fabricha impo-
stame soto protesto de fede et diligientia ministrarla
et ordinarla mio debito e defar intender ala Reverenda
paternità vostra domino apate insieme com li reverendi
superiori azò mai per algun tempo mesia imposta qua-
rella alguna de negligientia perche auendo più volte
io ordenato abocha aliprediti maistri moradori che tute

fondamente de essa Chiesia far doveseno sopra la
superfitie de l'arena ouer sabion dove el primo pilastro
està fondato azio che esse fondamente siano equale in
vna planitia et su vna materia medema azio se callo
alguno far debano che tute equalmente calaseno et non
far se deba esse fondamente su diuersi fondi più e
mancho et su diuerse materie de tereno che son di-
uerse in potenzia per natura, le qual diuersità non
poson concorere insieme aduno fine come in questi dì
pasadi essi moradori fato anno pertanto queste diuer-
sità cauxerano dischordia in essa fabricha ita che sarà
nezesario che essa fabricha se suenda et vengnia (?)
con dano euergongnia del monasterio et con vergongnia

Archivio storici) dell'Arte - Anno IV, Fase. III.

de tuti queli seauerà impazado sin farla come in orde-
narla pertanto exorto la Reverenda paternità vostra in
questi prinzipi volgia proueder a questa confuxion Et
volgia tuor la parte zerta et lasar la parte dubioxa
come vuol tuti li legisti et artisti del mondo che senpre
in ogni judizio et elezione dele cosse tuti acostar side-
bano etenerse a le cose zerte lasando senpre le dubioxe
per che turpis inperatori dizere non putaren voio dir
che dapoi il fato e cossa vergongniosa adir io non el
credeua vltra el dano che poi ne sequita azò le cosse
vostre vadano con razon et benefìzio de la fabricha de
la ciesia de santa Justina.

(FA, 2, p. 23).

[1532. Accordo fatto con Maestro Andrea protlio
padoa]

(sul rovescio del foglio)

Cum sit che il Reverendo padre Abbate et monachi
del monasterio nostro di santa Giustina di padoua con-
dusse maestro Andrea d'Albino Bergamasco del quon-
dam ser Bortolamio di moroni per proto della fabrica
della chiesia nostra per anni, x, cioè diece, qualli prin-
cipio al primo luglio del 1532 con sallario de ducati
diece da L. 6, sol. 4 al mese, et cara vno uino, mozo
vno formento cum la habitation de vna casa per suo
uso et fornito fo el suo tempo delli ditti anni, x, el
ditto monasterio pretendeua, et pretende non li uoler
dar el sallario sopradetto, ma far patti et condic.ion
noue circa il sallario, però al tempo debito li fo inti-
mato tal ferma uoluntà dal Rev. padre Abbate et mo-
nachi, hinc est, che essendo sta statuito per el ditto
R. padre Abbate qual fo el R. p. D. Egnatio de genoa
et monachi con il ditto maestro Andrea dal suo com-
pimento fino al beneplacito del monasterio et del ditto
maestro Andrea, accetarlo per proto della fabrica con
tutti li modi condicione et patti si contiene nel instru-
mento del primo accordo con il monasterio del anno 1532
alli 6 luglio stipulato per ser Lunardo tessara notaro
padouano, ecceto che il primo capitolo, per questo nouo
accordo siamo contenti che il ditto maestro Andrea
possi pigliar lauoreri, dummodo non lassi patir la fa-
brica. Et tal guadagno farà el ditto maestro Andrea,
l'habbia tutto perchè nel primo accordo era obligato
dar la mità al monasterio de tutto quello guadagnaua,
et per questo nouo accordo possi pigliar altri lauori,
et il guadagno sia tutto suo, come ho detto di sopra,
dummodo non lassi patir la fabrica, come in li capitoli
si contiene ; del primo accordo. Et per suo sallario et
mercede se li statuisce ducati cinque da L. 6, sol. 4
per vno fabricando, et non fabricando ducati vno da
L. 6, sol. 4, al mese, et in loco del'habitacion solita,
se li darà moza uno formento et caro uno vino, per
non star lui nella habitacion solita et mozo vno for-
mento, caro vno vino che sono oltra li denari moza doi

6
loading ...