Archivio storico dell'arte — 4.1891

Seite: 293
DOI Heft: 10.11588/diglit.18090.34
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18090.41
DOI Seite: 10.11588/diglit.18090#0325
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1891/0325
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
298

Benché manchi nel nostro ricordo la data precisa, però
dal contesto apparisce che in esso si tratta del salario
pel primo anno del cominciamento dei lavori.

fol. 55 v. : « Spese per rizare le 3 cholonne eoe (sic)
seconda terza quarta che venefu luna cliol chapitello
laltre no lire Y.

«Annone auto adj 10 di maggio 1421 11. cinque per
loro adandrea manovollj (conf. fol. 1 r.) e per noj da
tomaso di zanobj dj frosino chammerlengho chomapare
in questo debj avere acarte 61 11. Y ».

fol. 81 r. : « 1422. Ambruogio di Lionardo maestro di
murare dee avere per insino aquesto di 7 daghosto
anno detto 11. secento quatordici ss. cinque pli (piccioli)
iquali sono per tuttj i fondamenti a fattj eripieni aio-
spedale di santa maria deglinocentj in sulla piaza
de servi, i quali fondamentj recatj tutti abraccia
quadre sono brac. 4914 dequali dee avere ss. 2 d.
6 delbracio. che intutto fa lasopradetta soma di 11. 614
ss. 5 — de quali fondamentj apariscie scrittura per-
niano dandrea manovelli (conf. fol. 1 r.) inquesto 14 in
6 partite e a 43 in 2 partite idettj fondamentj fece già più
tenpo 11. 614 ss. 5 picc.

« E dee avere per maestero efactura ditutte lemura
sopraterra che afatte alsopradetto spedale lequali tutte
recate abraccia quadre furono bracia 4253 misurate per
maestro mariano dellabacho insino adi 16 di marzo 1421
in presenza di Nicholo carducci e di lorenzo borsi e di
patrizio franceschi e di pagholo lottj [quatro deglope-
rai del sopradetto spedale (vedi più avanti libro B, fol. 1)
e presente ildetto ambruogio edme (e di me) antonio
proveditore delarte dellaquale quantità sa abatere per
vano dj cinque portj grandj che sono br. 32 luna intutto
br. 160 recate aquadro, alle qualj portj il detto am-
bruogio non muro iconci e pero fu giudicato per an-
tonio di domenicho capomaestro della parte ghuelfa
incui leparti sirimissono che de sopradettj vanj fosse
paghato per meta che sono br. 80 epiu sena abattere
per vani duscia (di usci) e finestre sopraterra intutto
br. 46 sicché intutto sa asbattere br."126. secondo che
giudico ilsopradetto antonio restano br. 4127 delle quali
aessere paghato aragione di ss. 2 d. undici ilbracio che
intutto montano 11. secentouna ss. diciasette e d. uno
e in detto (sic) somma e misura sono contj (contati)
fattura dj pilastri eognialtro lavorio avesse fatto indette
mura sopraterra 11. 601 ss. 17 d. 1 ».

E questa l'ultima nota di spese in cui occorre il
nome d'Ambrogio di Lionardo. In seguito in suo luogo
rincontriamo altri maestri di murare, probabilmente
perchè egli sarà morto in quel torno di tempo.

Su uno degli ultimi fogli del nostro libro, rimasti
senza indicazione di pagina, troviamo il seguente ri-
cordo circa la compra del terreno: « Ospedale che larte
dj porta santa maria dj fìrenze aprencipiato avoler
fare 1419. 1° Giardino murato dj staio 70 achorda chon-
prato e paghato a messer Rinaldo dj messer maso delli
albizi ff. mille settecento doro nettj alluj chomapariscie

charta per ser lodovicho dj bertino notaro dellarte
eilpaghamento per libro nero grande . ff. MDCC ».

*

* *

Il seguente de' nostri libri ha sulla copertura il ti-
tolo : Libro de debitori e creditori, segnato B dall'anno 1421
all'anno 1435, e comincia dal fol. 1 r. con questa scritta:

f al nome djdio amen 1421 adj 20 di Novembre

questo libro edello spedale di Santa maria deglinocientj
fatto per larte diporta santa maria alapiaza de servj e
tenuto per Buto dj Niccolo eletto peconsolj delasopra-
detta arte proveditore aldetto spedale ildj sopradetto,
nelquale siscrivera ciaschuno chedarra lavorio offaciessj
alchuno lavorio perla sopradetta opera.

•f hoperaj delsopradetto spedale per tutto aprile 1422.

Paolo dj Ridolfo di paolo lottj . . ) pelmembro della

Patrizio di giovannj di franciesco . ^ seta

Niccolo dandrea Carduccj . . . ) pelmembro delta-

Iacopo dj Ghueriante daenpolj . . ) glio

Lorenzo dj piero borsi . ... pelmembro defon-

Filippo di Ser Brunelesco . . . ) dachaj eorafi

f hoperaj per tutto aprile 1423

Ghoro di stagio datj pelmembro della

Bartolo dj domenico Corsi . . . ) seta

Cione dj Ciocho Cionj . . . . | pelmembro delta-

Sai vj dj Salvj lottj | glio

Tomaso dipagino dj lucha . . . pei fondachaj eo-
Giovannj dj deo (in bianco) . . ) rafi

f lioperai per tutto aprile 1424

Parente dj michele di Ser parente
Giuliano dj francesco di Ser gino

Niccholo dj francho sacchettj . . j per parte deltenpo
Charllo di ghaglardo boncianj priore > chome apare ali-

dj riplitj (?) ] bro dellarte

Nel precedente ruolo degli operai per l'epoca dal
1° maggio 1421 fino allo stesso dì 1424 il Brunelle-
schi si trova registrato una sola volta come uno dei
due operai eletti da parte de' fondacai e orafi per
l'anno 1421-1422. Nondimeno è evidente, e questo ap-
pare da altri ricordi che riproduciamo più avanti, che
egli aveva senza intermissione, di continuo, la dire-
zione dei lavori fino dal loro principio, almeno fino al-
l'anno 1425.

fol. 32 r. : « 1422 Albizo dipiero e betto dantonio

scarpellatori deono avere insino adj (in bianco)

disetenbre per questj concj iquali anno fattj alospedale
pergli infrascrittj prezi : per cinque portj grandj, cioè
tre insulporticho dello spedale edue basse cioè alentrate
deglabituri deldetto spedale 11. 90, per nove colonne
tonde alporticho dello spedale fornite di base capitelli
ecimase einteramente compiute e ritte 11. 108, perdue
porticciuole piccholine cioè aogni testa delporticho una
loading ...