Archivio storico dell'arte — 4.1891

Seite: 327
DOI Heft: 10.11588/diglit.18090.45
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18090.46
DOI Seite: 10.11588/diglit.18090#0359
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1891/0359
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
327

è la più lucente e la più bella. Nei santi vi è già un po' di convenzionalismo, ed il colore in
genere nella parte bassa deve avere maggiormente subito gli effetti di ristauri non esemplarmente
condotti in tempi passati. Comunque sia è sempre un lavoro ragguardevole, da porsi nell'età media
dell'autore, esente tuttora di quel manierismo di che peccano le sue opere dell'età più matura.
Circostanza interessante da notare poi è il trovarsi tuttora sussistente il cartone originale pel
dipinto nella ricca raccolta che viene conservata nell'Accademia Albertina di Torino.

Nella regia Pinacoteca della stessa città in fine vedesi fra le pitture della scuola di Gaudenzio
una tavola di Giuseppe Giovenone, di forma analoga a quella di San Giovanni, e nella quale la parte
alta è presa di peso da quella dell'opera di Gaudenzio ; indizio non dubbio che l'opera sua ebbe
a piacere e a trovar plauso fin da que' tempi fra i devoti committenti.

Gustavo Frizzoni.
loading ...