Archivio storico dell'arte — 4.1891

Seite: 463
DOI Heft: 10.11588/diglit.18090.53
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18090.58
DOI Seite: 10.11588/diglit.18090#0495
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1891/0495
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
NUOTI DOCUMENTI

468

reggono un vaso di fiori in fondo d'oro, essendovi nel
mezzo un riquadro con altro dentro simile; ed intorno
al primo vi sono compartite tre Croci greche per parte,
con un tondo, in cui delineato viene il sole; essendo
altresì il fondo, tanto al di dentro, che al di fuori, di-
pinto a rabeschi color d'oro in campo azzurro.

« Segue la quarta stanza, che resta a mano sinistra,
più stretta, e di forma bislunga. La superior volta a
crociera Umettata vedesi dipinta con diverse scornicia-
ture di finto stucco, e rabeschi di chiaroscuro, in campo
d'oro, con l'impresa del sopraddetto Pontefice, espressa
in un tondo nel di lei mezzo.

« Nelle quattro mezze lunette, le quali posano sopra
di una cornice di marmo, che le ricorre attorno sono

delineate a colori alcune mezze figure, cioè : in quella
dell'ingresso vedonsi alcuni santi, che fingono d'into-
nare il cantofermo, essendovi uno nel mezzo, che ne
indica il libro, e le note ivi impresse.

« Nella Lunetta di contro scorgesi una cascata di
due festoni di frutti, con un mazzo di essi nel mezzo.
Nelle due laterali finalmente, in una esistono due putti,
che reggono l'arme d'Innocenzio YIII ; ed in quella di-
contro altri due putti, tengono uno svolazzo, col solito
motto : lehauté passe tout.

« Negli angoli di questa stanza vi sono dipinti quat-
tro pilastri, o siano finti riquadri, che fino alla supe-
rior cornice si sollevano, coloriti nella faccia a chiaro-
scuro alla chinese, con fondo d'oro.

« Nella testata a mano destra assai sfondata, con
gradino, e parapetto vuoto, da ferrata a gabbia premu-
nita, corrispondente verso la campagna, con sguinci, e
arco dipinti a chiaroscuro in campo azzurro.

« Dicontro ad essa nella testata a piedi, evvi una
porta, che riferisce nella Loggia ivi prossima.

«Nella lateral facciata incontro a quella dell'ingresso,
vedesi altra finestra grande tra i due pilastri dai di cui

lati scorgonsi dipinti alcuni festoni, i quali intrecciati,
tengono, e Calici e Libri ; ricorrendo il medesimo ador-
namento ai lati dell'altra finestra, e porticella: come
anche della finestra con parapetto pieno, situata nella
facciata dell'ingresso, la quale comunica il suo lume
alla terza stanza. Tanto in questa facciata, come in
quella delle due testate, ricorre un pezzo di cornice
fìnta all'altezza della detta finestra, sopra di cui rimane
colorito un bellissimo paese, con cacce, lontananze, ed
alcune fabbriche maestrevolmente espresse.

« Passando di bel nuovo alla terza stanza, nella fac-
ciata incontro a quella del Camino, si osserva una
porta con i stipiti, architrave, fregio, e cornice, il tutto
di marmo scorniciato, la quale introduce nella quinta

stanza più piccola, ornata di un fìnto broccatello lumeg-
giato d'oro, con cornice sopra di chiaroscuro, che ri-
corre attorno, formando imposta alla volticella a botte
compartita in trenta riquadrucci scorniciati a chiaro-
scuro, dentro de' quali sonovi alcuni rabeschi in campo
verde, con una rosetta d'oro, ove terminano li acuti di
detti riquadrucci.

«Nelle due mezze lunette poi, in una vedonsi due
puttini di chiaroscuro, che reggono un tondo formato
da un festone ; e nell'altra l'istesso tondo, ma in luogo
de' puttini, un rabesco color d'oro in campo azzurro.

« Dirimpetto la porta dell' ingresso vi è una finestra
mezzanile, da ferrata munita, che dà lume alla mede-
sima, corrispondente verso la campagna.

« Nella facciata a mano destra esiste una porticella
con sguinci da questa parte, che riferisce nella stanza
di passo, che fa invito alla scala a lumaca di Bramante ;
e nella sinistra facciata vi è altra porta con stipiti di
marmo scorniciati, che introduce in un bislungo stan-
zolino a volta, con sua piccola finestra su la dritta, e
comodo nella testata a capo.

« Ritornati nella prima stanza, o sia sala, ed entrati

IL BELVEDERE
(Da un disegno dell'Heemskerk).
loading ...