Archivio storico dell'arte — 5.1892

Seite: 9
DOI Heft: 10.11588/diglit.18091.5
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18091.6
DOI Seite: 10.11588/diglit.18091#0040
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1892/0040
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
SERIE DI CAPOLAVORI DELL'ARTE ITALIANA

NUOVAMENTE ILLUSTRATI

Il Moretto a Paltone II Lotto in San Bernardino a Bergamo — Il Tiziano della Duchessa Litta nella
Pinacoteca di Brera.

risultati eccellenti, raggiunti da qualche tempo coi pro-
cessi fotografici diretti alla riproduzione delle opere di
pittura, ci pongono in grado d'iniziare in questo periodico
una serie d'illustrazioni delle medesime, che si faranno
viepiù rive e vie ]iiii opportune da che l'imagine sensibile
delle opere stesse può essere più chiaramente presentata a
quanti s'interessano ai nostri tesori artistici, e ci agevola
il mezzo di determinare ulteriormente il posto che agli
stessi si compete, in ragione dei paesi e dei tempi cui ap-
partengono.

Sono da prendersi in considerazione all'uopo con [spe-
ciale cura quei tesori dell'aire che se ne stanno tuttora
conservati in piccoli e remoti paesi, ai quali conferiscono
per ciò stesse un'attrattiva, un incanto indefinibile. Opere
••he vogliono quindi essere religiosamente conservate nel loro posto d'origine ogniqualvolta non ne
apparisca messa a repentaglio la sicurezza e la conservazione. Di queste l'Italia va largamente for-
nita in onta alle diminuzioni verificatesi per diverse vicende.

Sarebbe quindi opera benemerita e degna di trovare incoraggiamento quella cui potrebbero
attendere i fotografi di professione, col recarsi in luoghi siffatti a rilevarvi quanto sussiste di merite-
vole d'essere osservato ed illustrato.

Ha fatto un passo in questo senso, e giova sperare che ne farà altri prossimamente, la nota
ditta Ogliari di Brescia, coli'offrire al pubblico un facsimile assai ben riuscito, sebbene in troppo
tenui proporzioni, di una delle creazioni più delicate e intimamente sentite dell'eletto compaesano,
Alessandro Honvieino, detto il Moretto.

Del valore e del rango da lui tenuto in Brescia insieme al suo competitore, il Ilomanino, già si
è l'atto parola in questo periodico a proposito della splendida Pinacoteca Martinengo, da un paio
d'anni aperta al pubblico in quella città. 1 Chi volesse formarsene un'idea ben chiara e compiuta
non dovrebbe limitarsi a ricercare le opere loro nella città di Brescia, ma altresì in parecchi villaggi
della provincia, che posseggono tuttora sugli altari delle loro chiese dei tesori di gran pregio, ci

1 Villi t'articolo: « La Pinacoteca Hartinengo in Broccia » aeìVArchivio ttorico dtlTArte, anno ii, (usci.

Archivili ttorico dell'Arie - Anno V, Fase. I. ^
loading ...