Archivio storico dell'arte — 5.1892

Seite: 26
DOI Heft: 10.11588/diglit.18091.5
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18091.7
DOI Seite: 10.11588/diglit.18091#0057
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1892/0057
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
STUDI LEONARDESCHI

l.

La Vergine delle Roccie.

ella storia dell' arte moderna non esiste forse problema
più intricato della classificazione e cronologia delle opere
di Leonardo da Vinci.

Qualche volta si è tentati di credere che, come la
scrittura del maestro è restata stazionaria per trenta-
cinque anni, al punto che è materialmente impossibile
distinguere i manoscritti della sua estrema vecchiezza
da quelli della sua giovinezza,1 così non abbia variato
affatto nella sua maniera di disegnare e di dipingere.
Non intraprenderò, per oggi, a risolvere le difficoltà,
spesso inestricabili, alle quali dà luogo il fissare le date
rispettive di un' opera così considerevole. In simili inve-
stigazioni non è mai troppo il raccoglimento, la medita-
zione, lo scetticismo, nò, sopratutto, la modestia, virtù che comincia a farsi rara nel dominio
dell' erudizione artistica. Ma io mi lusingo di portare almeno qualche materiale all' edificazione
d' un monumento che gli sforzi d' un solo sarebbero impossenti ad innalzare.

La Vergine delh Roccie, tale ò l'opera di cui mi propongo d'intrattenere i lettori dell'^lr-
chivio storico dell'Arte. Secondo ogni verosimiglianza ò il primo, per data, tra i quadri autentici
di Leonardo; e, se la mia maniera di vedere ò accettata, tutto un gruppo di disegni che si
riannoda a questo, si troverà nello stesso tempo approssimativamente datato.

Non sono più di quattro anni che, nel mese d'ottobre del 1887, io affermava nella Berne dea
Deux Mondes, che, contrariamente all' opinione comune, la Vergine delle Roccie era anteriore alla
partenza di Leonardo per Milano; in altri termini, anteriore all'anno 1483. Sono lieto di con-
statare che questa asserzione, allora abbastanza azzardata, si è fatta strada, e che il signor Mùller-
Walde, l'ultimo, per data, tra gli storici di Leonardo,2 ha adottato, quanto alla cronologia della
composizione almeno, un' opinione identica.

Avendo tracciato, nel saggio qui sopra citato della Revue des Deux Mondes, la genesi della
composizione, mi limiterò qui a passare in rivista i principali disegni che hanno servito a
prepararla.

1 Vedi In bella edizione dei Manuserits de Léonard de
Vinci, del signor Chablis Ravaibsos Mollien, tonni Y,
p. l.

- Leonardo </</ Vìnci. Lebenskizze und Forschungen
tfber sein Verhàltniss zur Florentiner Kunsl und zu Ra-
fael. Monaco, llirth, 1HS9 e segg.
loading ...