Archivio storico dell'arte — 5.1892

Seite: 86
DOI Heft: 10.11588/diglit.18091.13
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18091.14
DOI Seite: 10.11588/diglit.18091#0119
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1892/0119
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
IGINIO BENVENUTO SUPINO

Nella descrizione poi delle Chiese, Monastet i >■/ oratori delio città di Pisa del Can. Tronci,
descrizione che si conserva manoscritta nell'Archivio Capitolare, è detto a pag. 5 :

« Nel ballatoio del medesimo reliquario di marmo vi sono molti frammenti con gran quan-
tità di statuine che erano prima nel pulpito che stava appunto dove hora è il palco della musica,
fatto di mano di Giovanni risano scultore, come ancora molti ne sono e in particolare le statue

P r L P ITO I) E L DUO M 0

secondo Li descrizione del Orassi.

intorno e sotto il pulpito dove si predica il quale dal chiarissimo Fancelli per sua poca avvertenza
fu fatto troppo stretto e con altre imperfezioni ».

Poi subì altra e più radicale modificazione perchè il Girassi ce lo descrive pur sempre di
forma esagona, « appoggiato a una delle grosse colonne quasi nel mezzo della navata, con mensoloni
infitti alla medesima per sorreggere due simmetriche scale di marmo bianco, che si aggirano in
guisa da non potersi ristringere in minore spazio. Sul davanti il pulpito è sostenuto da due
colonnette, una di porfido, l'altra di broccatello di Spagna, posanti sul dorso di due leoni. Sugli
angoli è adorno di quattro statuette esprimenti gli Evangelisti, avanzi del maestoso pergamo di
Giovanni da Pisa. 1 Egli aggiunge, erroneamente, die fu questo innalzato nel 1627 per opera di

1 Descrizione storica e artistica di Pisa, voi. II, Pisa, Prosperi, 1887,
loading ...