Archivio storico dell'arte — 5.1892

Seite: 87
DOI Heft: 10.11588/diglit.18091.13
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18091.14
DOI Seite: 10.11588/diglit.18091#0120
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1892/0120
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
IL PERGAMO DI GIOVANNI PISANO NEL DUOMO Df PISA

si

uno scultore francese e del Fancelli da Settignano; ma secondo il Da Morrona e altri, quello
innalzato dal Fancelli avea sotto le 5 statuette rappresentanti Pisa e le quattro virtù.

A quando il nuovo mutamento ? Non so e non m'è riescito sapere. Lo stesso Grassi poi in
un libretto manoscritto che si conserva nell'Archivio Capitolare, più volte citato, di memorie com-
pilate da Raffaello Francesco Grassi pisano, scrive : « il pulpito nel mezzo della chiesa : fatto
il 1627 da chiarissimo scultore francese, e colonne sotto di broccatello e porfido e altre statue
che erano sotto il pulpito fatto da Giov. Pisano sul quale si dice predicasse S. Tomaso.

« Che l'anno 1624 i bassorilievi furono accomodati come si è detto al pogginolo delle
reliquie e per esser uscito il sudd" francese dal modello il Sig. Operaio Ceoli à gridato assai e
ricorsi da S. A. Se li ha dato sd. . . . senza rimunerazione alcuna ».

PROGETTO FONTANA CON NUOVA DISPOSIZIONE DELLA SCALA.

Non è facile dunque orizzontarsi fra tanta disparità di giudizi, nò è possibile poter dire
come fosse il pulpito fatto dal Fancelli e da quello scultore francese tanto stimato, ma di cui
nessuno ci dice mai il nome (chi sa forse non si alluda al Francavilla). Constatiamo allora che
i bassorilievi, appunto perchè mal collocati, e che avrebbero dovuto poi, certo con più saggia
deliberazione, ornare i laterali amboni del coro, finirono invece nella galleria della chiesa, ove
sono tuttora, meno uno che fu incastrato sulla porta che conduce allo spogliatoio dei canonici.
Il sostegno centrale è sempre in Camposanto e gli altri pezzi appartenenti al pergamo sono
ora stati messi nei magazzini dell'Opera, ad aspettare la benefica mano che si decida a rimet-
terli alla luce.

IX.

Terminata così la storia di tutte le fasi fatte subire all'opera di Giovanni e di tutte le sue
molteplici trasformazioni, studiamo se l'opera approvata per la ricomposizione sia quale il plauso
e gli entusiasmi degli ammiratori avrebbero fatto supporre.
loading ...