Archivio storico dell'arte — 5.1892

Seite: 101
DOI Heft: 10.11588/diglit.18091.13
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18091.15
DOI Seite: 10.11588/diglit.18091#0134
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1892/0134
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
LA XILOGRAFIA VENEZIANA

101

matesi conformemente al carattere dell'arte regionale, seguono uno sviluppo continuo e coerente.
Non si può spiegare questo strano fatto, questa grande varietà di differenti maniere nel disegno
e nell'intaglio, rappresentate soltanto da singole opere, che colla supposizione che i prodotti di
questo genere non siano lavori di intagliatori di mestiere, ma opere occasionali di artisti periti
nella lavorazione artistica del legno e di altre materie affini, e versati in varie arti e tecniche.
Mi pare necessario di far risaltare alcune osservazioni sul carattere particolare della illu-

Frontispizio di: FRA CHERUBINO DA SPOLETO

Spirituali* rifar compendiosa regula, Venezia, senz'anno, 4". Grandezza dell'originale.

strazione di libri in Italia, le quali potrebbero contribuire a rischiarare la sua origine e la sua
natura.

Tutto dovrebbe indurci a supporre una grande affinità fra le incisioni in legno che adornano
i libri e le miniature che si vedono dipinte nei codici manoscritti e nei libri stampati, al qual
genere d'ornamentazione seguì la xilografia. Invece una tale relazione non esiste. Neanche le
tavole in legno, che sono i primi saggi dell' illustrazione di libri a mezzo della xilografia e che in
parte servirono addirittura ai miniatori come modelli (stampiglie), mostrano omogeneità colle
miniature, se non nelle forme ornamentali. La xilografia, adoperata per la maggior parte per l'illu-
strazione di libri, si sviluppa assolutamente indipendente dall'arte della miniatura, la quale man-
tiene lungo tempo ancora il suo posto accanto alla xilografia, indipendente nella composizione e
loading ...