Archivio storico dell'arte — 5.1892

Seite: 134
DOI Heft: 10.11588/diglit.18091.13
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18091.17
DOI Seite: 10.11588/diglit.18091#0167
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1892/0167
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
NUOVI DOCUMENTI

Fu sostenuto da parecchi, e specialmente da Pa-
ni zzi, che il Francia, oltre che eccellente pittore,
orefice e niellatore, sul cadere del secolo xv e nel
primo ventennio del seguente avesse anche atteso
alla stampa di lihri, e se ne numerarono persino
le edizioni, che vanno sotto il nome di Francesco
da Bologna, volendo intendere che questo Fran-
cesco fosse una persona sola col Francia.

Ai sostenitori di questa opinione ha risposto ef-
ficacemente l'erudito bibliofilo conte Giacomo Man-
zoni, 1 dimostrando come fossero due personaggi
distinti ; e, in ultimo, il prof. Adamo Rossi ha
trovato quale fosse il vero cognome di Francesco da
Bologna. * Ai validissimi argomenti del Manzoni ed
alla scoperta del prof. Rossi, che ha risolto defi-
nitivamente la quistione, si può aggiungere, che
in questa sentenza il Francia si dice egli stesso
oreviexe e depintore; non si fa menzione di questa
sua professione di stampatore nella immatricola-
zione alla società delle Quattro Arti, e neppure
in altri documenti posteriori, quali quelli dell' im-
borsazione per gli uffici da utile. Simili uffici, ri-
servati a determinate classi di persone, consiste-
vano nella rappresentanza del Governo bolognese
nelle terre del contado. Gli individui che venivano
eletti a tali uffici percepivano uno stipendio, e
quelli che erano destinati a risiedere in montagna
dicevansi capitani, quelli in pianura vicari. Per
l'elezione di simili ufficiali solevasi proporre dal
Senato un determinato numero d'individui per ogni
luogo, dai quali nomi, posti in un bossolo, ne ve-
niva estratto per ciascun luogo uno, che diventava
cosi l'eletto. Nel 1514, per questi uffizi, fu imbor-
sato anche il Francia, 3 di cui neppure qui è ri-
cordata questa creduta sua professione di stampa-
tore, come non è ricordata mai in altri documenti
già noti. Tutte prove queste che escludono una
volta di più l'opinione sostenuta dal Panizzi e da
altri anche recentemente.

Emilio Orioli.

L

Mcccclxxxij, indictione xv, die xij decembris

Matheus quondam Hieronimi de Lana, capelle
s. Georgi in Pozale.

1 Manzoni, Studi di bibliografia analitica. Studio primo}
Francesco da Bologna, ecc., Bologna, G. Romagnoli, 1881.

2 Rossi A., L'ultima parola sulla questione del cognome
di M." Francesco da Bologna, ecc., in « Atti e Memorie
della R. T)ep.e di Storia Patria per le Pror.* di Romagna »,
terza serie, voi. I, p. 412.

3 Doc. IV.

Francischus Marci Raibolini.

Eodem millesimo, die decima eiusdem mensis,
matriculavi ego Enoch predictos Matheum et Fran-
cischum vigore mandati ab eodem ser Thoma sub
(lieto die x decembris. Significati sunt in filcia.

(Archivio di Stato di Bologna - Sezione del
Comune - Ufficio del Capitano del Popolo - Ma-
tricola della società degli Orefici, a c. 158 a).

n.

Magister Franciscus quondam Marci Rambulini
: dicto el Pranza,

Mccccciij, indictione sexta, die 23 decembris,
matriculavi ego Benedictus de Oleo notarili» Ca-
mere actorum Comunis Bononie suprascriptum ma-
gistrum Franciscum aggregatum in dieta Societate
ut patet scriptura rogata et scripta per ser Bapti-
stam de Beroardis notarium sub datum die 23 de-
cembris 1503, que scriptura remansit in Camera
Actorum in filcia mandatorum.

(Archivio di Stato di Bologna - Sezione del
Comune - Ufficio del Capitano del Popolo - Ma-
tricola della società delle Quattro Arti, a c. 203 a).

[IL

In Giuristi nomine amen. Hoc est quoddam
laudum latum per discretos viros magistrum Do-
minicum Cevola civem et pictorem Bononie et magi-
strum Franciscum dicto el Francia civem, aurificem
et pictorem Bononie, arbitros et revissores electos
secundum formam statutorum societatis Quatuor
Artium Civitatis Bononie modo et forma infrascriptis,
videlicet :

Nuj Francia orevexe e Domenego Cevolla Ci-
tadini bolognisi e de la honorevole Compagnia de
le Quatro Arte de la dieta Cità ellecti et deputati
da li massari e mestrali et homini de la dieta Com-
pagnia a vedere et examinare e calcolare le ra-
xuni de Silvestro de Oratio sindico e depositario

| de la dieta Compagnia, o vero ellecto in luoco de
sindico e depositario per tri anni proximi passati e
corno reveditori e arbitri e arbitraduri, visto et esami-
nato e calculato li libri dela Compagnia e del dito
Silvestro, e diligentemente visto e revisto più volte

I cum li massari e mestrali e homini de dieta Compa-
gnia per lo presente dì e hora e viste le allegationi e
petitioni e exceptioni e resposte de le parte, e visto

! le citationi faete del massaro e mestrali moderni
de dieta Compagnia. In questo modo refferemo,
dicemo, e sententiemo, e pronuntiemo, e arbitra-

ì mentemo, cioè che dichiaremo dieta Compagnia
loading ...