Archivio storico dell'arte — 5.1892

Seite: 135
DOI Heft: 10.11588/diglit.18091.13
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18091.17
DOI Seite: 10.11588/diglit.18091#0168
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1892/0168
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
NUOVI DOCUMENTI

135

essere vera debitrice de dicto Silvestro de Oratii
de livre cinquantaquatro, e soldi quatro e dinari
undici de moneta corente e cusl condanemo dieta
Compagnia a dare e pagare a epso Silvestro livre
cinquantaquatro, soldi quatro e dinari undici infra
vinti dì proximi a venire. Non obstante che dieta
Compagnia fusse tenuta in verità a pagare le spexe
de dicto Oratii facte per tale lite, e questo a con-
siglio de homini docti. Niente di meno nui absol-
vemo dieta Compagnia da tale debito et più iu-
dichemo resti dieta Compagnia sola debitrice de
livre cinquanta de moneda corente a dicti Oratii
e questi pagare come è dicto di sopra. 1516 a
di 27 de Zugno. Nui Francia orevexe e dipintore,
e Domenego Cevolla.

Lectum, latum et in hiis scriptis sententialiter
pronuntiatum et promulgatum ac scriptum fuit su-
prascriptum laudum per prefatos magistrum Fran-
ciscum dicto Francia et magistrum Dominicum Ce-
vola bon. cives et pictores arbitros et revissores
ut supra electos secundum formam statutorum diete
societatis Quatuor Artium ut supra prò tribunali
sedentes Bononie in ressidentia domila diete socie-
tatis Quatuor Arcium Bononie, posite Bononie in
capella saneti Michaelis de Foro medii iuxta viam
publicam a duobus lateribus, iuxta bona dictorum
de Oratiis et alios suos confines, loco per dictos ar-
bitros et revissores electo et deputato prò idoneo
ad predicta, presentibus infrascriptis officialibus et
massariis videlicet, magistro Zam Jacobo Antonii
de Cultelinis massario honorabilis colegii, magistro
Johanne magistri Christofori pictore, magistro Se-
bastiano de Tedrisiis sellano, officialibus diete so-
cietatis et magistro Hercule de Liazariis de Cul-
telinis etiam officiale diete societatis, et diete pro-
nuntiationi non consentente, ac etiam presentibus
magistro Teseo quondam Orlandi de Campana cive
et aromatario bononiensi capelle sancti Michaelis
de Foro medii et magistro Leonardo quondam Jo-
hannis de Zagnis capelle sancti Leonardi, et Jacobo
dicto Brabante testibus ad predicta omnia et gin-
gilla vocatis adhibitis et rogatis. Sub anno a nati-
vitate Domini nostri Jesu Cristi millesimo quingen-
tesimo sexto decimo, indictione quarta, die vigesimo
septimo mensis iunii, tempore pontifìcatus sanctis-
simi in Cristo patris et domini nostri domini Leonis
divina providentia pape decimi.

(L. yj< S.) Ego Baptista quondam Luce de Be-
roaldis, Bononie civis, publicus imperiali ac Co-
munis Bononie auctoritate notarius, et nunc notarius
prefate societatis Quatuor Artium Civitatis Bo-

nonie predictis omnibus et singulis, dum sic ut
premittitur agerentur et fierent, interfui et de eis
rogatus extiti, hic ideo publice me subscripsi, si-
gnum nomenque meum apposui consuetum in fidem
et testimonium omnium premissorum.

(Archivio di Stato di Bologna - Sezione Pon-
tificio - Sentenze civili, voi. dal 1516 al 1518, a
c. 91 a della 1" num.e).

IV.

Inbursatio generalis offieiorum utilitatis Comunis
Bononiae incoepta kalendis Januarii MDXIIII.

Castel Franco.
Francesco di Marco Raybulino dicto el Francia.

Varignana.

Francesco di Marco Kaybulino dicto el Francia.

(Archivio di Stato di Bologna - Sezione Ponti-
ficio - Assunteria di Magistrati - Uffici da utile
dell'anno 1514, a c. 34 b e 56 a).

Annibale Carocci

e il suo quadro di San Rocco.

Il pittore Annibale Caracci fu a Peggio di fre-
quente, e per questa città eseguì parecchie delle
sue migliori opere, come l'Assunzione della Ver-
gine, che passò poi a Dresda, la Vergine col Bam-
bino e alcuni santi per la cappella dei mercanti
di panni nella chiesa di San Prospero, che passò
pure a Dresda, rimanendone in detta chiesa una
copia del Boulanger, la Vergine cogli Evangelisti
per la cappella dei notari nella cattedrale, che
fu trasportata al Louvre, ecc.

Notevole tra le altre opere che l'artista eseguì
per Peggio, il famoso quadro noto sotto il titolo
della Elemosina di San Rocco. « Il celebre Fou-
quet — dice il Campori nelle sue notizie degli ar-
tisti degli Stati Estensi — tirato dalla fama di
questo dipinto, lo richiese alla confraternita in
nome del re di Francia con grandi offerte ; lo che
saputosi da Alfonso IV, ne fece l'acquisto egli me-
desimo ad instigazione del pittore Flaminio Torri,
che più volte ne aveva tratto copie, mediante lo
sborso di 800 doble e la copia del Boulanger, che
ancora sussiste. Non saprei affermare con certezza
se a quest'opera si riferisca il passo dell'Inventario
loading ...