Archivio storico dell'arte — 5.1892

Seite: 197
DOI Heft: 10.11588/diglit.18091.21
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18091.25
DOI Seite: 10.11588/diglit.18091#0234
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1892/0234
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
NUOVI DOCUMENTI

197

picturam et ad pingendam conam sive tabulam al-
taris magni supra diete Ecelesia S.1 Ioannis ; Ex-
pertum virum Magistrum Lucani de sìgnorellis de
Cortona pictorem presentem et acceptantem : Cum
infrascriptis pactis eonditionibus conventionibus et
obligationibus, videlicet:

Quia prefatus Magister Lucas pictor promisit
et convenit supra dictis scindici* et procuratoribus
ibidem presentibus stipulantibus et recipientibus
prò dieta Fraternità pingere conam et tabulam
predictam usque ad totam perfectionem secundum
designum factum et ostensum prefatis Fraternali-
bus et scindicis videlicet cum Figura Cristi, cum
Figura B. Ioannis Baptiste baptizantis et cum
Figura Dei Patris de supra, et cum aliis presenti-
bus ornamentis et circumstantiis descriptis 1 in
dicto designo. Et dictas tres Figuras dictus Ma-
gister Lucas promisit ex pacto pingere et facere
suispropriis manibus.* Residuimi vero picture diete
tabule voluit et convenit posse facere depingere
ab aliis suis discipulis melioribus et demum red-
dere dictam tabulam pictam perfectam et ornatam
de optimis et bonis coloribus et de auro in locis
et partibus convenicntibus, et Oddere et reactare
in locis jam depictis, ' prout erit expediens, et fa-
cere talem picturam que reputabitur. Quid nobile
et spetiosum. Et prenominati scindici et procura-
tores promiserunt dare et solvere eidem Magistro

1 Sopra a questa parola è stato poi scritto contenptis,
in modo però che ambedue le parole si leggono.

* Anche noli'istrumento di allogazione della tavola
col Deposto di Croce per la Fraternità del Buon Gesù
di Jesi, da me pubblicato in questo Archivio (III, 2(17),
si trova espressa questa stessa condizione che avesse
dipinto con le sue proprie mani, ciò che dimostra che il
Signorelli spesso si servisse di altri pittori suoi disce-
poli ; e questa circostanza ci viene confermata dalla frase
che poco dopo si legge in questo istrumento, dove di-
cesi che il residuo poi della pillarti ili detto tavola colle
e conrenne di poterlo far dipingere dagli altri suoi mi-
gliori discepoli. Dunque è evidente che Luca aveva con
sè altri che lo aiutavano nei suoi lavori, e fra questi
sono noti in modo certo Girolamo Genga da Urbino e
Pietro Paolo Agabiti da Sassoferrato, importantissimo
pittore che merita di essere meglio conosciuto, e di cui
pubblicheremo una estesa memoria. Vedasi in proposito
la nostra lettera diretta al conte Sacconi a proposito
dei monumenti nazionali nella provincia di Ancona, alla
p. 55 e segg.

3 Da questa frase si prova che questa tavola era
stata prima dipinta da altro pittore, forse uno dei due
ben differenti artisti che colorirono gli otto quadretti
su fondo d'oro dei pilastrini laterali, anche oggi rimasti
intatti : il primo dei quali ricorda la maniera secca ed
angolosa dell'Alunno da Foligno, e l'altro lo stile gaio
e gentile della scuola toscana del Ghirlandaio e del
Botticella

Luce presenti etc. prò pictura diete tabule ducatos
viginti septem auri ad rationem XX.'1 grossorum
prò quolibet ducato, videlicet ducatos duodecim
imprincipio diete picture prò emendis coloribus et
auro et item prò expensis suis, residuimi vero dicti
pretii promisserunt et convenerunt dare et solvere
dicto Magistro Luce, cum fuerit finita dieta pictura
et restituta fuerit dieta tabula finita et completa
cum tota ejus perfectione juxta designum predi-
ctum, boc tamen pacto et conventione inter dictas
partes exprexis et stipulatis, quod si et quatenus
videretur dictis scindicis tabulam predictam non
esse taliter depictam quod mereatur dictum pro-
fumi, timc dictus Magister Lucas voluit et convenit
quod dicti scindici possint et valeant eligere unum
pictorem expertum et facere iudieare dictam pictu-
ram, et si fuerit iudicata minus dicto pretio tane
dicti scindici teneantur et debeant solvere illud
residuimi excepto et deffalcato fotti ilio quod fuerit
indicatum minus valere. 1

Que omnia et singola predicte partes promise-
runt adinvicem una altere et altera altere atten-
dere osservare et adimplere et contra non facere
dicere ve! venire in iuditio nec extra obligan-
tes, etc. Renuntiantes etc. Jurantes etc. (Segue
subito quest'altro documento).

n.

Die xxmi Junii 1508 indict. XI. Actum in terra
roche in quadam Camera domorum Ecclesie 8. Pran-
cisci juxta cemeteriiim diete Ecclesie, ortum here-
dum Alexandri Dni pieri, coquina (conventus) diete
Ecclesie et alia bifora presentibus Dno Cicho Ma-
riani bellini et Magistro Petro magistri rafaelis to-
stibus. Supra dictus Magister Lucas pictor habuit
in contanti a supra dictis scindicis ducatos sexde-
cim prò ultimo pagamento et satisfactione picture
diete tabule et sic de toto pretio ut supra con-
vento eisdem scindicis plenam quietationem fecit
cum pacto de ulterius aliquid alimi non petendo
promisit etc. Renuntiavit et obligavil etc. jura-
vit etc. etc.

(Archivio notarile di Arcevia. Rogiti di Alfonso
Ventri. Ad annum).

Anselmo Anselmi.

1 In questo punto V istrumento seguita con questo
parole, sopra lo quali però ò stata tirata una linea di
cancellatura, che fa conoscere questa ultima condizione
non essere stata ammessa: Et si fuerit judicatum plus,
fune dictus Magister Lucas voluit quod dicti scindici
non teneantur solvere ultra dictos XXVIJ (vigentiseptem)
ducatos.
loading ...