Archivio storico dell'arte — 5.1892

Seite: 211
DOI Heft: 10.11588/diglit.18091.21
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18091.27
DOI Seite: 10.11588/diglit.18091#0248
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1892/0248
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
MISCELLANEA

211

corrispondere lo spazio per la scala d'accesso al I rebbero quindi, secondo le ingegnose supposizioni

pulpito; seconda, la fronte principale comprendeva
tre arcate invece di due. A dare un'idea completa
della disposizione del pulpito, nella prima ipotesi,

del Beltrami, due altri bassorilievi (quello della
Salita al Calvario e l'altro della Crocifissione), e
quindi un'arcata, per ricomporre l'antico disegno.

Tav III. FRAMMENTO DI DISEGNO DEL PULPITO

(Nel gabinetto delle stampe di lìerlino).

il Beltrami pubblicò il seguente disegno (tav. II),
immaginando ragionevolmente il disegno piegato
in due parti, ad angolo retto, in corrispondenza al
primo pilastro isolato.

La scoperta di un nitro frammento del disegno
del pulpito avvalora invece la seconda ipotesi, e
cioè che la fronte principale constasse di tre ar-
cate. L'altro frammento del disegno trovasi nel
gabinetto delle stampe a Berlino, e reca due bas-
sorilievi nel parapetto : F uno della Deposizione,
l'altro di Gesù Cristo al limbo (tav. III). Manche-

La scoperta del secondo frammento di disegno
toglie però alquanto di probabilità alla supposizione
che tutto il disegno appartenga ad Andrea Orcagna.
Lo stile delle fìgurette del disegno di Berlino, stile
più distinto che nelle altre di Orvieto, ha carat-
teri spiccatamente senesi, tanto che non saremmo
alieni di credere che il disegno appartenga a Lo"
renzo Maitani.

A. Venturi.
loading ...