Archivio storico dell'arte — 5.1892

Seite: 221
DOI Heft: 10.11588/diglit.18091.30
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18091.31
DOI Seite: 10.11588/diglit.18091#0262
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1892/0262
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
LA RACCOLTA DEL SENATORE GIOVANNI MORELLI 221

teschio e un libro aperto), pittura ad olio eseguita con vigoria di tocco dalla già Principessa
imperiale, ora Imperatrice Federico, che ne aveva fatto dono, come suo ricordo d'amicizia, al
senatore.

Pio. 3». RITRATTO DI ALESSIO BALDOVTNETTI, DA SE STESSO.

n.

Sala prima della Pinacoteca Morelli — / intristì.

Trovarono iJ loro posto opportuno nella prima sala tre opere di terra cotta toscane, che
il Morelli si era recate da Firenze nel suo domicilio privato in Milano. Fra queste è di mas-
simo pregio certo angelo di Benedetto da Maiano (fìg. la), ohe si può considerare per un mo-
dello di una figura da tabernacolo o da monumento funebre, quali si vedono spesso eseguite
loading ...