Archivio storico dell'arte — 5.1892

Seite: 431
DOI Heft: 10.11588/diglit.18091.45
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18091.50
DOI Seite: 10.11588/diglit.18091#0481
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1892/0481
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
NUOVI DOCUMENTI

Il Foro dei Mercanti di Bologna.1

L

In Christi nomine amen. Anno nativitatis eius-
dem millesimo trecentesimo septuagesimo nono, in-
dictione secunda die sexto decimo mensis octubris,
tempore pontificatila santissimi in Christo patria et
domini domini Urbani divina providentia pape soxti.
Consilium generale quadringentorum Populi et Co-
ni unis Bononie congregari fecerunt magnifici et
potentes domini domini Antiani Consules et Vexil-
lifer iusticie dicti Populi et Comunis in palatio ma-
gno residentie prefatorum magnificorum dominorum
Antianorum in sala magna, superiori dicti palati]
ad sonum campane et vocem bànitorum, ut moria
est. In quo quidem Consilio et congregatione inter-
fuerunt omnes prefati domini Antiani et ultra quam
due partes Consiliariorum dicti Consilii. Et in quo
quidem Consilio egregius decretorum doctor domi-
nila Jacobus de Preuntis, unus ex prefatis dominis
Antianis, de consensu presentia et voluntate do-
mini Prioris ipsorum dominorum Antianorum pro-
posuit infrascriptam petitionem et postano prius per
ipsos domino» et collegio opportunaliter approba-
tam secundum ordinamenta dicti Populi et Comu-
nis ; cuius quidem poste tenni- sequitur in hec rerba :
A la magnifica Signoria vostra esponese, cum zo
sia cosa che la casa che foe de miser Nicolo di
Piepoli sia per venderse per gli soi heredi, e para
a più mercadanti e altro persone per bene comune
che la dita casa si se dibia comparare per lo Co-
mune de Bologna e metergli la gabella de la Mer-
cadandia del Comune, e tore via la vechia e ven-
derla e del presio se faxa quela spesa che besognarà

1 V. articolo a p. 387.

a cunzare la dita casa a modo che eia se possa
overare por la, gabella da la Mereadandia, e lo re-
sto che avan/arà ai se converta in la compara de
la dita casa; e quelo che mancharà a la compara,
che costarà livre Trea Millia de bolognini, aieno
certi mercadanti che prof'erseno de prestare de vo-
lontade livre mille de bolognini. E cusì se porà tro-
vare gli altri da li visini circumstanti, e poni se
fare sta/uni da piaonare oltra quela che a'overarà
per la gabela che n'aridilano livre cento o torsi
doxento de bolognini. El modo de fare rendere i
dinari a coloro che prestarano si è questo chel se
dibia ponere a la Mereadandia a ehi andarà e a
chi vira certa quantità per balla segondo che mie-
glio se porà fare. E cusi come se coglierà no, cusì
si virano rendendo a coloro per rata, segondo che
ordenarano coloro che serano tolti sopra zo. E de
zo eno contenti Felise Amanati, el Biondo Merin-
ghi e altri fiorentini che ce sono, sì che non po-
rano dire che nui rompamo i pati cheno tra nui
e gli fiorentini. E quando no foaaeno contenti che
gli ano dito de si, si se trovarave altro modo chi
pagareveno e no glie serave ruti i pati e zo ve
sera dito sei farà besogno. K recolti tanti dinari
quanto farà besogno per rendere a coloro che pre-
starano si aia incontinenti tolto via la dita impo-
sta, sovro la quale cosa se priega chel ve piaza de
provedere per chel serà gram bem de Comuno, no
ostante alcuno statuto o altro che fesse in contra-
rio. Et cum super hoc videatur dictis dominis An-
tianis et Collegiis utile et bonum quod providea-
tur, etc.

(Archivio di Stato di Bologna - Sezione del Co-
mune - Biformagioni in Capreto, voi. C, c. 21!) r"
e, Biformagioni, serie II, voi. 1379-80. c. 8 b).
loading ...