Archivio storico dell'arte — 6.1893

Seite: 83
DOI Heft: 10.11588/diglit.18092.11
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18092.12
DOI Seite: 10.11588/diglit.18092#0121
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1893/0121
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
UNA TAVOLA IN BRONZO DI ANDREA DEL YERROCCHIO

83

ascrivendo il lavoro a quest' ultimo. Anzitutto ci manca finora qualsiasi punto d'appoggio ab-
bastanza sicuro per riferire a Leonardo dei lavori di scultura, quantunque sappiamo ch'egli ne
ha eseguiti ; in questo nostro caso speciale poi io credo che, confrontando questo rilievo con
quello della Deposizione esistente a Venezia, si possa attribuirlo direttamente al maestro e non
già allo scolaro.

Quanto a pregi singolari, segnatamente nell'invenzione e nella disposizione, il rilievo
della Discordia tradisce ancora in alcuni punti un imbarazzo, e mostra perfino dei difetti che

IL GIUDIZIO DI PARIDE, DI A. VERROCCHIO

(nella collezione Dreyfus a Parigi).

non ricorrono affatto, oppure non sono così accentuati nemmeno nei lavori giovanili di Leonardo,
e che invece si ritrovano precisamente nel rilievo della Deposizione, nel quale, del resto, i
punti di confronto sono relativamente pochi, e per la differenza del soggetto, e perchè le
figure son tutte vestite. L'analogia si mostra segnatamente nelle proporzioni e negli scorci ;
nelle due figure che stanno accoccolate sul davanti negli angoli, e che, anche nel genere
del rilievo e nella posizione che occupano Luna rispetto all'altra, corrispondono alle due
figure di San Giovanni e di Maria nella Deposizione, osserviamo le stesse anche ristrette,
le braccia corte, la singolare guardatura. Nei cadaveri giacenti a terra e rappresentati in
fortissimo scorcio, questo scorcio è inteso con grande finezza, ma in parte ne è molto sba-
gliata l'esecuzione. Le due tavole si corrispondono anche nella gradazione pittorica del ri-
lievo, che, alto sul davanti, nel fondo diventa bassissimo ; e così pure la morbida scanto-
natura dello stucco della Discordia accenna ad un originale in bronzo eseguito su di un
modello di cera. Un'altra corrispondenza si osserva anche nei partiti di pieghe delle vesti
e nei capelli svolazzanti delle due belle figure di donna che stanno nel mezzo. Nelle figure
d'uomo poi troviamo in ambedue i rilievi i capelli folti che ricadono in quantità sulla
loading ...