Archivio storico dell'arte — 6.1893

Seite: 129
DOI Heft: 10.11588/diglit.18092.11
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18092.16
DOI Seite: 10.11588/diglit.18092#0167
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1893/0167
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
NUOVI DOCUMENTI

129

ad Quintamdecimam diem mensis marcii proxime
futuri. Cum precio solutionis et extimationis ad
quam seu quod extimabuntur istorie iam facte in
dieta Capella per eosdera depictores, ,sub pena
Quinquaginta dueatorum auri de camera prò quo-
libet eorundem contrafaciente, quam penam sponte
sibi imposuerunt, et ad quam si contrafacient in-
cidi voluerunt et volunt, que pena apostolice de-
beat fabrice diete Capelle etc. Et prò predictis
omnibus et singulis ipsi depictores obligarunt se
et omnia eorum et cuiuslibet ipsorum bona pre-
sentia et futura, et quilibet eorum tenet. prò alio
contrafaciente et predicta non observante sive
observantibus etc. in meliori et strictiori forma
Camere etc. Subiecerunt se etc. Renunciarunt etc.
Constituerunt procuratores etc. Et iuraverunt etc.
fiat in ampliori forma etc. Et eciam ex pacto fue-
runt concordes quod quedam obligatio per dictos
depictores alias facta dicto Jobanni petri super-
stanti super pecuniis per eos receptis et recipiendis
ratione diete depicture maneat in suo valore et
robore etc. presentibus venerabilibus viris dominis
Marino de Monte alto et baptista de Spello Ca-
mere apostolice notar, prò testibus, et me Johanne
Gerones eiusdem Camere notario rogato.

Testamento

del pittore Allegretto Nuzi da Fabriano.

Gli istorici fabrianesi, fra i quali il Marcoaldi
nella sua Guida e Statistica della città e comune di
Fabriano (1,15), affermano che nel 27 settembre 1373
Allegretto Nuzi dettò le sue tavole testamentarie
a Diotisalvi Bonaventura, notaio fabrianese, nelle
quali si fa amorevolissima ricordanza della sua
moglie Catelina (forse Caterina) e fu legato di
molti suoi beni alla chiesa di S. Nicolò di Fabriano.
Morì l'anno 1385 (affermano il De-Arecchi ed il Lori)
per fieri dolori ai fianchi nell'età di 79 anni, ed il
suo cadavere fu sepolto nella chiesa di S. Lucia
volgarmante detta di S. Domenico.

Gli altri istorici dell'arte riportano queste as-
serzioni, se~non"che col documento che qui si pub-
blica appare chiaramente che Allegretto eleggesse
la sua sepoltura nella chiesa di S. Nicolò. Se non
vi sono documenti posteriori, quali potrebbero es-
servi dal 1373, data del testamento, al 1385, data
della morte del pittore, che dicano diversamente,
noi dobbiamo ritenere che le ceneri di Alle"'retto

riposino in S. Nicolò, e non in S. Lucia come è
stato sino ad oggi affermato, perchè noi dobbiamo
dar fede più a questo documento, ebe alle asser-
zioni degli storici quando le medesime non sono
documentate.

Il Marcoaldi poi erra di un giorno la data del
testamento, che fu fatto nel 20 invece del 27 set-
tembre 1373.

Dopo le altre disposizioni non si deve lasciare
di avvertire quella fatta a favore della Fraternità
di S. Maria del Mercato, che a Fabriano ebbe molta
importanza in un tempo in cui le Fraternità erano
tenute in grandissimo conto e die rappresentavano,
a seconda della loro ricchezza, la importanza mag-
giore o minore di un paese.

Nel margine del protocollo leggesi : Particala
testamenti Alegrieti quondam Xuctij Pictoris.

(2G settembre 1373).

« In nomine Dui. Amen. Ilec sunt particule
cujusdam testamenti conditi per infrascriptum Ale-
grictum scripti manu mei infrascripti notarij cum
principio, institutione heredum et publicatione dicti
testamenti quarum tenor talis est. In nomine Dni.
Amen. Cum nihil sit morte certius nibilque incer-
tius bora mortis. Idcirco Aìegrictus quondam Nuctij
pictor de terra fabriani de quarterio castri veteris
per Xpi. gratiam niente, sensu et intellectu sanus
licet corpore languens timens futurum mortis pe-
riculum ne post ejus obitum de saia bonis aliqua
oriatur discordia ipsorum honorum omnium per pre-
sens nuncupativum testamentum sine scriptis in
hunc modum, dispositionem facere procuravit et
fecit. In primis quidem reliquit Duo. Camerinensi
Episcopo prò ejus canonica portione duos (solidos)
denariorum currentis monete in terra fabriani. Item
reliquit prò male ablatis incertis unum florenuni
auri. Item reliquit et expendi juxit apud ejus se-
pulturam quam sibi elegit atud ecclesiam Sancti
Niccolaj de Fabriano prò cera clericis et alijs ob-
sequijs ipsius, decem libri diete monete et cetera
et obmissis quampluribus legatis et relictis sequitur
heredum seu heredis institutio hijs verbis. In om-
nibus vero alijs suis bonis mobilibus et immobilibus
juribus actionibus sibi quoquo modo competentibus
et competituris presentibus et futuris quemlibet
filium masculum et quamlibet filiam feminam nas-
siturum et nassituram ex ipso testatore et Domjna
Catalina ejus uxore si quis vel si qua nasceretur
sibi heredem seu heredes universalem seu univer-
loading ...