Archivio storico dell'arte — 6.1893

Seite: 197
DOI Heft: 10.11588/diglit.18092.20
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18092.23
DOI Seite: 10.11588/diglit.18092#0238
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1893/0238
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
AVANZI DI ARCHITETTURA MEDIOEVALE

IN SANTA MARIA MAGGIORE (Valle Vini:/./...)

ra le valli delle nostre Alpi che offrono allo studioso
di cose artistiche maggior copia «li monumenti degni
di considerazione e di studio, vanno annoverate senza
dubbio l'Ossola e le valli ossolane. Quivi, nei centri
più frequenti di popolazione, come nei piccoli gruppi
di case remoti sui fianchi delle Alpi, per tutto ignote
o mal note sorgono antiche chiese, intatte talora, di-
rute o mal riconoscibili talaltra, degne sempre di
studio accurato e spesso di ammirazione. Le Guide
stesse, che vanno per le mani dei viaggiatori e degli
escursionisti, ricordano, benché di volo, queste gemme
dell'arte; ma le Guide non bastano: quella stessa ec-
cellente del Bazzetta e del Brusoni, (die ricorda, e
spesso con notizie accurate e copiose, i monumenti medioevali che ancora rimangono nelle
valli ossolane, quei di Mergozzo presso il Lago Maggiore, di Vogogna, di Villa, di San
Quirico, di Masera, di ( 'revola, di Domo stessa indi'Ossola, quei di Peecetto nell'Anzasca,
di Varzo in vai di Vedrò, di Crodo, di Baceno e di Premia in Antigono, di Croveo in vai
Deverò, ed altri ancora, la Guida stessa del Bazzetta e del Brusoni di molti monumenti tace,
di molti parla inesattamente o incompletamente.

Noi vorremmo poter dire più e meglio sui più importanti dei monumenti in discorso,
sulla chiesa di Baceno, in ispecie, che ci apparve più (die tutte le altre degna di attenzione
e. di studio; ma diremo qui, per ora, solo di alcuni frammenti architettonici che ci fu dato
studiare in Santa Maria Maggiore, capoluogo della valle Vigezzo, frammenti architettonici
che sono certo la cosa, più notevole avanzata in quel territorio dai tempi medioevali.

I frammenti architettonici derivano tutti dall'antica chiesa di Santa Maria, chiesa ma-
trice, come quella che sorse nella località centrale della vallata, che anzi raccolse intorno
a sè il centro principale di abitazioni e di popolazione. Ma la storia della chiesa è disgra-
ziatamente mal nota. Narra la tradizione che essa venne edificata da San Giulio durante
il secolo iv, e qualche storico della valle1 sostiene o crede di sostenere con documenti la
veridicità della tradizione : la storia non dice però nulla affatto su questo punto, non poten-
dosi in nessun modo da un documento del 1022, che parla della chiesa, indurre un'antichità

1 Quello, fra gli storici, a cui attingiamo, è il Cu- altri. (Cavalli, Cernii statistico-storici sulla Val Vigezzo.
valli, che sul nostro argomento parla assai meglio degli Torino, 1845; voi. 1, pp. 111-115).
loading ...