Archivio storico dell'arte — 6.1893

Seite: 210
DOI Heft: 10.11588/diglit.18092.20
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18092.24
DOI Seite: 10.11588/diglit.18092#0251
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1893/0251
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
210

A. SCHMARSOW

richiamano con la loro freschezza e con la loro naturalezza le creazioni particolarmente
personali di Donatello e ci mostrano ancora ne'suoi principi l'autore di questi esemplari
sporadici del Rinascimento toscano; essi formano un anello nella catena del suo sviluppo,
la quale ci conduce a quella feconda comunanza dell'architetto e fonditore Michelozzo con

10 scultore Donatello.

Resterebbe ora ai ricercatori locali della Dalmazia il compito di indagare se si possa
ancora sostenere con fondamento l'asserzione che Michelozzo abbia fornito il disegno della
ricostruzione completa del palazzo Rettorale di Ragusa. Finche si seguitava a considerare

11 portico come lavoro di Onofrio Napoletano, si doveva essere indotti ad attribuire a Mi-
chelozzo il piano superiore, le cui finestre appartengono allo stile gotico. A questo proposito
però bisogna determinare la parte avuta nel lavoro da Giorgio da Sebenico ; ma non è qui
il luogo di fare questa ricerca,

(Continua.)

A. SCHMARSOW.
loading ...