Archivio storico dell'arte — 6.1893

Seite: 211
DOI Heft: 10.11588/diglit.18092.20
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18092.25
DOI Seite: 10.11588/diglit.18092#0252
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1893/0252
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
t

NUOVr DOCUMENTI

I maestri

d'in'aglio e di tarsia in legno nella Primaziale di Pisa.1

1.

L'operaio dei Duomo alloga a Maestro Michele il
lavoro di legname dei coro del Duomo.

-j- M ecce Lxxxx nij. /J

Richordo chome hoggi q° dì 20 di novembre 1494
Noi abbiamo alloghato a fare il coro di duomo a
m" Michele di Giovanni ispamgnjuolo, lemgnjaiuolo,
in questo modo cioè: che detto ni° Michele de' fare
detto choro bene e diligientemente a uso di buono
maestro in questo modo come si dirà apresso; e j
prima de' fare la spalliera granndde riquadrata com
colonnelli achanalati com base e chapitelli tonuli
di cornicie mortta tutti e piane e bene hombrato, j
e più de' fare l'architrave di cornjcie morta ho di
rilievo, a volontà dell'operaio, e più de1 fare el fregio j
con lettere antiche, e volendo l'operaio fare in detto j
fregio altri lavori, detto m° Michele è tenuto a dare
il lengniame di detto fregio lavorato e 11 operaio de'
pagliare l'altro lavoro che vi vorà fare dremtto a spese
dell'opera, e più detto m° Michele è tenuto fare la
cornicie di detto choro di rilievo, ho di cornicie morta,
come piacierà all'operaio, e più detto m° Michele è
tenuto fare i pettorali e cornicie intorno a detti qua-
dri intaullato, con uno profilo di tersia d'intorno, tutto
di buoni lemgniami di nocj grosse due dita e bene ri-
levato, e più de'fare in della inposta sotto i detti qua-
dri uno quadro d'arbaro ahomgni quadro chomisso in
ditta inpossta e bene lavorata e di buoni lemgniami,
perchè l'operaio l'à a fare mettere d'oro e più ditto
m" Michele è tenuto di fare a bomgni quadro uno qua-

1 Vedi articolo a p. 153.

dro di nocie grande che entri dentro a dette cornicie
di lemgniame di nocie buono e gientile e pulito e de'
essere grosso uno dito perchè l'operaio l'à a fare in-
tagliare a modo suo tutto ditti quadri a spese di
ditto maestro Michele ecietto che l'antagliatura
de'detti quadri che gli à a pagliare l'Opera. E più
detto m° Michele è hobreghato di fare a detto choro
le manghanelle, hovero chancielli di lemgnio di no-
cie buono e grosso e recipiemtta a ditto lavoro
a uso di buono maestro; e sotto a' detti cancielli, ho-
vero manghanelle, detto m° Michele è tenuto fare el
suo fregio, hovero pettorale, dove posano suso detti
chancielli ho manghanelle, di buoni lemgniami e fo-
derati di nocie, con cornicie riquadrata di rilievo
e con tersie e base sotto : beni fatte tutte di nocie
co' quadri di drentro di nocie beni fatti a uxo di
buono maestro, come si richiede a ditto lavoro. E
più ditto maestro Michele è tenuto fare a detto
choro i s gettoni buoni e di buono lemgniame, col
piano di sotto di buoni lemgniami, come si richiede
a detto lavoro ; e più detto maestro Micbele è Im-
brigliato di fare a detto choro il parapetto dinanssi
alto chome egli è hora, fermato sopra a' detti saet-
toni e con buone imposte di dentro e di fuora ; e
dal lato di dentro detto maestro Micbele è bobri-
ghato fare riquadrato con colonne morte, con basi
e chapitelli e inbasamentti rilevati tutti di nocie
et riquadri di dentro di chornicie mortta e archi-
trave e cornicie rilevata e fregio con lettere; con
uno inginochiatoio dal lato di demtro disposto d'e
tersso cornicato e bem fatto; e dalato di fuora di
detto pettorale detto maestro Michele è tenuto fare
le manghanelle, hovero chancielli, di nocie buone
e ricipiemte a detto lavoro; e la spalliera di detto
pettorale de' fare riquadrata di quadri grandi ho
loading ...