Archivio storico dell'arte — 6.1893

Seite: 267
DOI Heft: 10.11588/diglit.18092.28
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18092.31
DOI Seite: 10.11588/diglit.18092#0308
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1893/0308
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
IL BRUKELLESCHI E L'ARCHITETTURA CLASSICA

2g7

dove la fantasia scorge mille immagini. Quegli uomini non stringevano l'arte in programmi
sterili, ma lasciavano al proprio intelletto ed al proprio gusto una libertà che portava frutti
deliziosi. Ecco perchè tanto originale e bella ci apparisce l'opera del Brunelleschi; ne ci
lamentiamo che non sia figlia genuina dell'arte classica: come preferiamo, con qualche
stortura, l'albero vigoroso che liberamente si svolge nella selva a quello tirato a perfezione
di insipida simmetria dall'arte del giardiniere.

Paolo Fontana.
loading ...