Archivio storico dell'arte — 6.1893

Seite: 305
DOI Heft: 10.11588/diglit.18092.28
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18092.34
DOI Seite: 10.11588/diglit.18092#0353
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1893/0353
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
MISCELLANEA

305

La sua figura è grave e seria: Ella sembra 1 fonda sul gran mistero che si compie e al quale

prestare attenzione alle prime cure date al suo j egli resta, per così dire, straniero,

bambino da due donne che si occupano a lavarlo II fanciullo Gresù, pulito e lavato, è coricato in

in un bacino, di cui la larga coppa, sostenuta da \ una cuna, scatola di legno rettangolare, dove l'asino

un piede stretto, ricorda le vasche antiche. e il bue che lo riscaldano col loro fiato prende-

AVORIO BIZANTINO, DELLA FINE DELL'AI SECOLO, NEL MUSEO CRISTIANO DEL VATICANO.

S. Giuseppe, riconoscibile dalla sua aureola, è
seduto sullo stesso banco di pietra come una delle
due serve; egli è vecchio e barbuto; i suoi piedi
sono calzati da sandali, e il dosso volto alla scena,
posa la testa nella sua mano appoggiandosi sul
gomito; sembra assorto in una meditazione pro-

vano per lo innanzi il loro nutrimento. Involto in
pannilini, è anche legato in fasce incrociate, come
cantava, nel vi secolo, il poeta Venantius Fortu-
natus : 1

1 Inno Pange, lingua, gloriosi praelium certaminis.
loading ...