Archivio storico dell'arte — 6.1893

Seite: 399
DOI Heft: 10.11588/diglit.18092.44
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18092.46
DOI Seite: 10.11588/diglit.18092#0450
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1893/0450
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
SULLE ORIGINI DELL'INCISIONE IN RAME IN ITALIA

399

niellate dopo e delle stampe affini e delle relazioni dei nielli colle altre incisioni; e spero
di aver dimostrato che l'incisione in rame non possa aver preso origine dalla tecnica del
niello o da una invenzione del Finiguerra, ma clic invece i niellatovi siano ricorsi alla
tecnica, conosciuta già da tempo, di fare delle impressioni su carta da lastre incise per
tirare delle prove su carta, dalle loro lastre intagliate per essere niellate dopo o dalle im-
pronte in zolfo. Ilo tentato di definire la tecnica dell'incisione speciale ed indispensabile
per i lavori di niello, la quale colle sue linee finissime, intagliate molto profondamente
e con orli acuti, è del tutto e caratteristicamente opposta, come a tutte le altre incisioni fatte
por la stampa, così anche alle nostre incisioni, clic non pos-
sono avere di certo alcuna relazione colla tecnica del niello.

Non ho da ripetere qui i ragionamenti esposti in altro
luogo e mi accontento di ricordare soltanto, che la celebre
Pace colla « Coronazione della Tergine » nel Bargello di
Firenze, sulla quale lo Zani, dopo aver trovato una impres-
sione su carta ed una impronta in zolfo dello stesso disegno,
ha fondato le sue conclusioni, non può essere quella fatta dal
Finiguerra nel 1452 per San Giovanni in Firenze, prima
perchè non rappresenta la crocifissione coi due ladri, la (piale
era il soggetto della Pace del Finiguerra, e poi perchè evi-
dentemente mostra lo stile di Fra Filippo Lippi e non quello
del Pollaiolo il quale secondo il Celimi, 1 ne forniva il di-
segno. Del resto neanche l'altra Pace, colla crocifissione, at-
tribuita a Matteo Dei e creduta dal Milanesi 2 quale lavoro
fatto dal Finiguerra nel 1452 pei1 San Giovanni, non pub esser
considerata come opera del Finiguerra, perchè questa Pace
bellissima, la più antica che ci sia conservata, mostra chia-
ramente lo stile della scuola fiorentina dei primi decenni
del '400, ma assolutamente non la maniera del Pollaiolo.
E non c'è altra Pace che per la provenienza, per il sog-
getto e per il carattere del disegno giustificherebbe tale at-
tribuzione.

Dunque niente ci rimane di cerio e nemmeno di pro-
babile in tutto ciò (die si è concluso sull'esistenza d'una Pace •> s" ■
niellata, di impronte in zolfo e di impressioni su carta :i IlaSPHMBBSBL .-'SEsaH
dello stesso disegno, attribuite al Finiguerra anche dal rac-

, , . . La Morte e l'Assunzione

conto del A asari.

,T ,,, . . . . rv in ■ i n tt della Vergine — X. 7.

Neil'incisione che onre la Coronazione della A emine,

(Parte d'incisione su rame. Parigi. Cabinet

con sette rappresentazioni della sua vita (descritta disopra ,.:.liiml„,s,
K 9), vediamo riprodotta la Pace del Bargello attribuita al
Finiguerra, la quale, a giudicare da tante sue ripetizioni, deve

aver goduto d'una grande fama. Tediamo dunque una Pace nidiata fra le più antiche, da
attribuirsi al tempo intorno al 1450, copiata contemporaneamente in una incisione fatta
per la stampa ed eseguita con una tecnica del tutto diversa da quella del ideilo.

Il confronto di questa incisione con le altre stampe del gruppo ci ha fatto riconoscerla
come la più avanzata nello sviluppo e nella decadenza di questa mainerà, come posteriore
a tutte le altre incisioni affini. Il disegno della Pace, quantunque sia alterato ed avvici-

1 Benvenuto Cellini, Trottati dell'oreficeria (Ivi. Mi-
lanosi), p. 12 e 13.
- L'Art, 1SS4, I.

:; Non si può nemmeno dire con sicurezza die una

delle cinque provo in zolfo e su carta provenga dav-
vero dalla lastra niellata del Bargello, o che non siano
invece tutte e cinque prese da ripetizioni molto fedeli
della celebre Pace, come si può [trovare per tre di esse.
loading ...