Archivio storico dell'arte — 6.1893

Seite: 415
DOI Heft: 10.11588/diglit.18092.44
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18092.48
DOI Seite: 10.11588/diglit.18092#0467
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1893/0467
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
NULLE PINACOTECHE MINORI D'ITALIA

415

capiscuola! Dura ancora, nonostante i lunghi sforzi dei contemporanei, dura sempre la
riduzione avvenuta nei tempi della Decadenza dei termini della storia:-ancora nell'omo-
geneo sta l'eterogeneo, nell'unità s'asconde la complessa varietà dei fatti. Ma per procedere
avanti conviene diffidare di tutto e di tutti, perchè purtroppo i documenti tratti dagli ar-
chivi sono frequentemente male trascritti e ingannevoli, le tradizioni alterate in gran parte

Tav. III. - LA SACRA FAMIGLIA, DEL BOLTRAFFIO

(Venezia, Pinacoteca del Seminario). •

e rinnovate, le impressioni soggettive hanno avuto spesso un valore nell'opinione pubblica,
un posto nelle guide degli Istituti e dei paesi, un'eco nella cultura generale.

A queste considerazioni si addiviene anche osservando, ad esempio, come l'ancona me-
ravigliosa di Pier della Francesca nella Galleria di Brera in Milano, la Madonna con tre
Angeli nel Christ Church College di Oxford, il San Domenico dello stesso nella fondazione
artistica Poldi Pezzoli, il corrispondente SanjMichele della Galleria Nazionale di Londra, il
quadro votivo, pure di lui, nella chiesa di Santa Maria delle Grazie, presso Senigallia, coi
ritratti di Giovanni della Rovere e di Giovanna di Montefeltro sua consorte, sieno asse-
loading ...