Archivio storico dell'arte — 6.1893

Seite: 418
DOI Heft: 10.11588/diglit.18092.44
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18092.48
DOI Seite: 10.11588/diglit.18092#0471
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1893/0471
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
418

ADOLFO VENTURI

grande nelle cornici e nella riproduzione dei marmi e di classiche sculture, potrebbe far
credere Fra Carnevale architetto. Che il pievano di San Cassiano di Cavallino abbia avuto
alcuna parte nelle meraviglie dell'architettura urbinate? Questo dubbio potrebbe correre alla
mento, se non si vedesse in tutta quell'architettura, benché accuratamente disegnata, il pit-
tore che trae prò di tutti i suoi ricordi di studio: are bacchiche, vasi ansati, romani, bu-
crani, basiliche cristiane, ecc., ecc. Yi è il pittore che associa con diligenza motivi archi-
tettonici antichi, più che l'architetto che ha vagheggiata e determinata una forma propria.
Eppure è bastato allo Schmarzow di vedere i due quadri con quella ricchezza architetto-
nica dei fondi per attribuirli al Laurana architetto!

Adolfo Venturi.
loading ...