Archivio storico dell'arte — 6.1893

Seite: 454
DOI Heft: 10.11588/diglit.18092.44
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18092.50
DOI Seite: 10.11588/diglit.18092#0507
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1893/0507
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
454

NUOVI DOCUMENTI

e più per scarnicci da far colla lire — soldi 12 promisit, dicto domino Antonio Operaio supra

e più per bullettoni .... lire G, soldi 9 scripto, facere et scultare duo aitarla de petra alba

e più per terra bianca di Mon- ! de Carraria, et illa ponere in pisana maiori ec-

telupo, terra delle fornace lire 2, soldi 10 desia, eo modo et forma et prout habere desi-

e più per carbone .... lire 9 gnatio dictus dominus operarius in eius manibus,

e più in uno staccio . . . lire —soldi 15 ; et in uno altari habeantur duo colupne de marmo mi-

e più per sapone tenero . . lire - - soldi 8 ' sto, et hoc facere convenit et promisit hinc ad sexde-

Spese fatte per me Stoldo Lorenzi.
(Arch. del Capitolo. Filza L, pag. 316).

N° 7.

Io Valerio Gioii scultore, essendo stato chiamato

cim menses proxime futuros hodie inceptis et ut
sequitur finiendis, obligando et renundiando et
cum clausulis in forma etc, et prefatus dominus
Antonius Operarius suprascriptus, convenit et pro-
misit dicto magistro Stagio dare et solvere prò
eius labore et mercede prò quolibet dictarum dua-
da Sr0 Operaio del duomo di Pisa, che io deba rum altarium scutos centumquinquaginta aurei solis
stimare l'agniolo di bronzo fato per mano di ad rationem librarum septem prò quolibet scuto
m" Stoldo, posto in '1 detto duomo, e datomi la elio- solvendo de die in diem, prout acciderit, et sunt
mesione da in" Batista, scultore e suo chugino di inter eos in concordia obligando et renuntiando etc
deto Stoldo e tutore del' erede di detto m° Stoldo, cum clausulis in forma. Actum in dicto loco, pre-
però ò visto detta fiura e bene considerata da preso, sentibus Franciscus Martini de Pisis, sitario, et
la quale giudicho, die detta fatura, elio '1 piede Baptista Petri del Cervelleria testibus etc. dictis
e chon tute le sua aparteneze, quatrocentoventi di anno (1528) et indictione, die vero 9 mensis Martiis,
moneta, e di più li sia pagato el bronzo e ugni stilo pisano,
sorta di spesa fata in tale opera, de le quale ne
potrà dare conto el s'e Operaio, chome quello che
del tuto amorevolmente 1' à provisto : e quanto ò
dito e giudichato è secondo el mio giudiltio, e senza
alcuno scrupolo di chocienzia. Questo dì 26 di se-
tenbre 1583.

In Pisa..........scudi 420

Valerio Gioii sopra detto

a tergo: Ali molto Mag00 S. Operaio, il S.Girolamo
Papponi, patron' mio ossmo.

Stima fatta dell'assiolo di bronzo e più baxe

(Contratti dell'Opera del Duomo, n. 90G, pa-
gine 123).

Deliberazione dei Priori di Pina a favore di maestro
Stagio.

In Dei nomine Amen. Fit fìdes per me nota-
rium infrascriptum, qualiter:

Magnifici Dominis Priores popoli et Comniunis
civitatis Pisarum, per eorum partitum et per quan-

e apartenze fatto fare in duomo per il cero pa- tum eorum :luct<>ritas extenditur, dederunt et

squale, da m° Stoldo Lorenzi.

(Arch. del Capit. Filza L, pag. 358).

N° 8.

Due documenti relativi allo Stagi.

Contratto fra l'Operaio del duomo e maestro Stagi
di Pietrosaida per due cappelle da farsi nella
chiesa.

Dominus Antonius opera-'
rius suprascriptus, ex una, et!
Magister Stagius Laurentiif dé venerimi inter eos
de Petrasancta, ex; alia,

ad liane compositionem, concordiam et patta infra-
scripta, videlicet.

Imprimis, dictus magister Stagius convenit et

dant licentiam et auctoritatem :

Magnifico Domino Bart.0 de Forculo, pisano
civi, Operario Opere pisanae maioris ecclesiae, se
componendi cum m.° Astagio de Petrasancta, scar-
pellino, circa pretium duarum eappellarum per eum
alias factarum, in dieta pisana maiori ecclesia, tem-
pore operariatus Domini Sebastiani Seta, de sic se
cum ipso Magistro Astagio de residuo quod dictis
de causis restat habere, concordare possit et hec
omni meliori modo, vigore etc. die xa jannuari] 1553,
more pisano.

Factum fuit dictum partitum, per prefatos Do-
minos Priores, in palatio eorum solite audientie,
situm Pisis in Cappella sancti Sisti, sub dieta die,
scriptum et rogatum per me Joannem Guarnerium,
notarium et civem pisanum et notarium et cancel-
larium prefatorum dominorum, prout in libro par-
loading ...