Archivio storico dell'arte — 7.1894

Seite: 57
DOI Heft: 10.11588/diglit.19206.5
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19206.10
DOI Seite: 10.11588/diglit.19206#0096
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1894/0096
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
NUOTI DOCUMENTI

57

ve pareranno expediente, che voglia venire da noi
con tucte sue cose, peroche satisfacendo l'opere
sue al nostro desiderio gli faremo tale tractamento
che se contenterà essere venuto. Et se per il venire
suo gli bisognasse denari alcuni, datigli perche ne
li faremo respondere secondo voi ne scriverete:
fate che omnino vengha da noi. Dat. Viglevani,
die 9 Martii 1476

Cichus

(diretta al Milite Leonardo Botta
oratore a Venezia)

Pecept. 13 Martii hor. 22

(doc. inedito. Arch. di Stato : Milano. Pittori).

II.

111."18 domine, domine mi eccellent.'116 Premessa
ogni reverente mia raccomandazione, questo per
significar a la V."1 Ill."ia Signoria. Achadendomi a
honor de la gloriosa nostra dona farssi una palla
nel tempio de San chasan de Viniexia, mia ventura
et idio mediante tal mia bona volontà, ho vogiuto
eh' el lator de la prexente nominato Maistro An-
tonelo solessimo (sic) depentore se trovò in questa
zitta, al qual non sparagnando [io] denar alclmno,
dal mese d'avosto prossimamente passato detti tal
opera, la quale sin questo dì creduta in chotal
termine, che in zorni 20 serebe perfeta e finitta: la
qual opera 111."10 mio Signor sera de le più eczel-
lenti opere de penelo che habia Ittalia e fuor d It-
talia. Unde havendo vostra 111.""1 Sig.a gustato de
le sue opere per lettre sue a la magnifìzenzia de

l'orator suo de qui, ha schritto non con puocha in-
stantia, ditto maistro da la eczelenzia vostra con
ogni suo inzegnio li persuadi che '1 vegni et chon-
ferito li hebe per se per suma bontà e merto de
eso maistro desideroxo chompiazer a la eczelentia
vostra de haver respeto zircha al fato mio. Io ho-
dendo tal chaxone me chonferii da la magnifìzenzia
de l'orator per intender se la requesta dela Ul.ma
Sig." Vostra era de sorte che dito pentore potesse
finir la pala, e poi conferirse a la eczelenzia vostra,
unde intexo el desiderio de la serennita vostra
chome bon et fidel servidor suo, persuaxe el ditto
maistro dovese senza algun respeto chonpiaxer a
la Signoria Vostra, e pertanto suplicho chome mi-
nimo servidor de la sublimita vostra e de grazia
speziai dimando che la ditta pala posa esser per
esso maistro Antonelo finitta, la qual son zerto
chome Signor benigno mi vestirà di sua grazia
chome dimando

E meritando per le optime vertu e chondezion
de eso maistro Antonelo richomandarlo a la Ill.ma
Signoria Vostra, reverentemente chomo suo bon
servidor quelo richomando, oferendomi quanto so e
poso prestissimo ai chomandi de la Ill.ma Sig.a
Vostra a la qual humelmente me richomando. Dat.
die XVI marzo MCCCCLXXVI in Venicxia

Petrus Bonus nobilis Venetus
et servus serenitati vestre

(a tergo) 111."'0 et eccell."10

Domino domino Galiacio Sforce
Dei grafia Duci Mediolani
(doc. ined. Arch. di Stato di Milano. Pittori).

Archivio storico dell'Arte - Anno VII, Fase. I.

S
loading ...