Archivio storico dell'arte — 7.1894

Seite: 74
DOI Heft: 10.11588/diglit.19206.14
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19206.15
DOI Seite: 10.11588/diglit.19206#0114
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1894/0114
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
TI

ANSELMO ANSELMT

non ammirare una bellissima tavola della prima metà del Cinquecento, la quale si trova
a sinistra, nella prima cappella appena si entra. Di questa non se ne conosceva affatto
l'autore, ed era da taluni assai erroneamente attribuita al Signorotti stesso; forse perchè
sapevano che in detta chiesa questo celebre pittore avea dipinto due quadri, fra i quali
uno appunto che nella cornice ed in altri accessori somigliava a quello che ora descrivo e
di cui non si aveva alcuna memoria, all'infuori di una piccola iscrizione al lato sinistro
del quadro stesso, di questo preciso tenore:

EX VOTO ET/EKE PVB. AN. DNI. MDXXIX
DIE SECVNDA MENSIS JVLII

Detta iscrizione bastava di per sè stessa per non fare attribuire al Signorelli il dipinto;
l'anacronismo era troppo evidente, poiché Luca morì nel 1521, e gli ultimi anni di sua
vita ebbe trascorsi in Cortona sua patria. Tornando all' iscrizione, io sperava appunto con
essa di trovare un qualche documento, giacché così giustamente se ne precisava l'epoca.
A tal uopo rovistando i vecchi libri dell'Archivio Storico comunale, per buona ventura mi
cadde sott'occhio un Bollettario un po' malconcio, dal 1527 al 1546, uno dei pochi che
ancora si conservano. Pensai subito fra me: qui dev'essere certamente il pagamento fatto
pel quadro eseguito nel 1529, giacché troppo esplicitamente vi si legge che fu pagato con
danaro del pubblico. Infatti mi detti subito a sfogliarlo, e vi estrassi le seguenti partite
di pagamento, che si riferiscono tutte, esclusa la prima, alla fattura del quadro o Cona di
Sant'Anna.

XIJ Octobris (1528)
a carte 23 recto.

Magistro Venantio pictori florenum unum prò aureatura armorum Reverendissimi

Domini Gubernatoris et comunis Boccile...........fior. 1 boi. 00

Senza data, ma Gennaio 1529
a carte 28 recto.

r, j - , rv • • rv Deputatis a concilio super fabrica Sancte Anne fio-

roliaoro ÌSer 1< ranci sci Ser i . 7. , .

, r .,. r ,. , \ renos quinquaqinla prò parte merceais et salano

Mauritio Lidio lacomo ' ... . . „

„ j, ,; I pictorum tacientium et pinqentium conam bande

icafaetts f i

\ Anne..............„ 50 „ 00

Die 16 Septembris 1529
a carte 42 verso.

Magistro Juliaxo de phano pictori vocato ad extimandam conam Santhe Anne

florenos sex ......................„ 6, „ 00

ed una placca a foi-ma di medaglione con la Ver-
gine del Rosario, di quelle che attaccate ai rocchetti
sogliono portare per insegna della Fraternità coloro
che vi appartengono. Questi tre oggetti di oreficeria,

se non sono di Cesarino del Roscetto, appartengono
però certamente a qualche artista del Cinquecento
fino ad ora sconosciuto; e al Roscetto può attribuirsi
solo il primo.
loading ...