Archivio storico dell'arte — 7.1894

Seite: 88
DOI Heft: 10.11588/diglit.19206.14
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19206.16
DOI Seite: 10.11588/diglit.19206#0128
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1894/0128
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ss

Ora. queste diverse fasi della vita di Gian Galeazzo Visconti si ritrovano interamente
sui sci scudi che decorano il piede del calice. Dunque il vaso sacro è stato offerto alla
chiesa di Monza dal primo duca di Milano, posteriormente al L396, ed esso è stato eseguito
entro lo spazio di cinque anni, cioè dal 1-35)7 al 1402. La data è, per conseguenza, non
meno esatta che l'attribuzione.

Qual è stata la destinazione di questa generosa offerta V Fu un calice di consacrazione
die serviva al sacrificio della messa per contenervi il vino eucaristico? Questo è possibile,
quantunque sia diffìcile servirsene, non sapendo veramente da dove prenderlo. Il nodo è
troppo sviluppato per la palma della mano, che lo prende male e che rischia di ferirsi
nelle ruvidezze dell'architettura. Non potrebbe essere piuttosto uno di quei calici d'ablu-
zione, 1 necessario in un capitolo, nel quale, in certi giorni, tutto il clero doveva comuni-
carsi? Ma questa destinazione secondaria non sarebbe forse piaciuta al donatore. Non mi
resta dunque che a vedervi un calice d'apparato, fatto piuttosto per essere messo in evi-
denza in un tesoro e non uscente da esso che molto raramente, per esempio per la riserva
del giovedì santo, o meglio ancora per l'abluzione personale dell'imperatore, nel suo inco-
ronamento colla corona di ferro. 2

X. Barbier de Montault.

1 Vedere sul rito dell'abluzione, clic io ho visto
ancora praticare a Milano e a Pavia, le mie (Euvres
complètes, toni. IV, pp. 293-335.

2 Nel bassorilievo dell'incoronamento a Monza,
che data dal secolo xiv, l'altare porta tre calici. Io
ne ho data questa spiegazione nei mici Tnventaires
de la basilique royale de Monza, p. L2(i0: " 11 più grande
serviva alla consacrazione e alla comunione sotto
Le due specie, perchè era uno dei privilegi dei so-
vrani. I due altri, al contrario, erano destinati al-

l'abluzione dell'arciprete e dell'imperatore, usanza
che. nella Liturgia, non si è più mantenuta che nei
pontificali del papa. 11 Cerimoniale d'Amelius. al
xiv secolo, contiene questa rubrica: uNotandum etiam
quod sacrista debet portare liodie tres calices, ma-
gnimi prò missa (per la consacrazione), alia ni cum
quo papa bibit vimini (per 1"abluzione del papa),
tertium prò commuiiioiie „ (per l'abluzione dei car-
dinali diaconi).
loading ...