Archivio storico dell'arte — 7.1894

Seite: 183
DOI Heft: 10.11588/diglit.19206.22
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19206.24
DOI Seite: 10.11588/diglit.19206#0225
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1894/0225
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
TRE OPERE PROVENIENTI DALL'ANTICA SCUOLA FERRARESE

183

nella biografia del pittore, discorrendo di lui nei termini seguenti: " Tornato dunque
alla patria già uomo di ventisei anni, vi si fermò per alquanti mesi, dando bonissimo
saggio del saper suo ; perciocché fece la prima tavola della Madonna nel duomo, den-
trovi, oltre la Vergine, San Crescenzio e San Vitale all' altare di Santa Croce, dove è

Fra. 3». - LA SS. TRINITÀ, DA UN QUADRO DI TIMOTEO VITI

(Nella chiesa dei Cappuccini di Milano. Fotografia Dubray).

un Angeletto sedente in terra, che suona la viola con grazia veramente angelica e con
semplicità fanciullesca: condotta con arte e giudizio, j,1 E subito dopo questa, cita un'altra
tavola fatta da Timoteo per Valtare maggiore delia chiesa della Trinità, nella città medesima,
eh' è per l'appunto quella riprodotta qui nella fig. 2a. Presa alla lettera l'indicazione di
tavola, sì per 1' una che per l'altra delle pale accennate, non sarebbe esatta, da che consta
che sono entrambe eseguite sulla tela, a tempera dolce; ma di ciò non è da far caso, da
poi che si sa che il Vasari ed altri scrittori usarono indistintamente il termine di tavola

1 Fu fotografata da Brogi e porta nel suo catalogo il n. 7393.

r
loading ...