Archivio storico dell'arte — 7.1894

Seite: 277
DOI Heft: 10.11588/diglit.19206.29
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19206.32
DOI Seite: 10.11588/diglit.19206#0319
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1894/0319
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
MARCO PALMEZZANO E LE SUE OPERE

277

supponibile che il quadro della Natività sia stato eseguito dal Palmezzano stesso in epoca
posteriore, e fors'anche a qualche anno di distanza da quest'altro; spiegando così quella
certa superiorità di pregi nel dipinto che porta la data del 1492 per effetto della maggiore
abilità ed esperienza acquistata da questo maestro.

Lo Schmarsow, che nella Natività trova giustamente l'influsso del Francia e dice

Tav. V. - LA MADONNA IN TRONO COL BAMBINO GESÙ E SANTI, DI M. PALMEZZANO

(Pinacoteca di Brera, Milano)

peruginesco il Bambino, scorge nel tipo di questa " seria e monachesca „ Madonna
parecchia parentela con la Madonna di Melozzo, che dalla cappella Orsini in Roma fu
trasportata nelle così dette Grotte Vaticane, ma nel complesso e nella forma la giudica
più impacciata: così nella rigidezza della figura del San Giovanni e della Maddalena
trova 1' influsso di altri due artisti, poiché esse, mentre ricordano il padre di Raffaello, la
testa della Maddalena e le pieghe dicono chiaramente che Palmezzano lavorò nello studio
di Antoniasso, compagno di lavoro, in Roma, del Melozzo. E conclude: " Basta dare un'oc-
loading ...