Archivio storico dell'arte — 7.1894

Seite: 291
DOI Heft: 10.11588/diglit.19206.29
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19206.32
DOI Seite: 10.11588/diglit.19206#0333
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1894/0333
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
MARCO PALMEZZANO E LE SlTE OPERE

291

ne] disegno. Nello sfondo è anche qui un paese e cielo chiaro, con poche nubi, oggi ingial-
lito e guasto dal fumo dei ceri. La cinge ima notevole cornice dell'epoca, con intagli,
dorata. Peccato che, come anche quella di San Giovanni Gualberto, sia molto rovinata
dalla umidità del luogo. Sarebbe desiderabile che il Governo, unitamente al Municipio,
provvedessero, sostituendo con altri quadri moderni le vecchie tavole, per conservarle
nella già ragguardevole raccolta di quadri che è nella comunale Pinacoteca. 1

(Continua)

Egidio Calzini.

1 Avevamo già scritta questa parte del nostro
studio, quando apprendemmo che il dipinto fu tra-
sportato dal parroco di quella chiesa nella propria

abitazione, insieme all' altra tavola di cui è cenno
a pag. 280.
loading ...