Archivio storico dell'arte — 7.1894

Seite: 323
DOI Heft: 10.11588/diglit.19206.37
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19206.38
DOI Seite: 10.11588/diglit.19206#0366
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1894/0366
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LA CHIESA ED IL PORTICO DI SAN GIACOMO IN BOLOGNA

323

presso l'ingresso dal portico di via Zamboni. Nel libro di memorie del convento già ricordato
trovo : " Anno 1511. In quest'anno il Monastero fece guastare tutte le sepolture del chiostro de'
morti che erano di marmo longhe et fece fare le arche con li suoi sportelli come al presente
si vede et fece saligar tutte quattro le ali di detto chiostro et si spese lire dugento novanta sei
et il detto chiostro era tutto coperto a portico di legname con tassello a quadri et posto sopra
colonne eli pietra a sei faccio, delle quali al presente i capitelli et base sono poste nelle col-
lonne del chiostretto che va alla cucina. Le muraglie et facciate di detto chiostro erano
tutte dipinte con historie della Bibia et vite de' santi belissime et pinte per mano di valenti

Tav. IV. - PATITE DEL PREGIO IN TERRA COTTA

])i una tomba presso la CHIESA di San giacomo (SEC. xiv)

pittori et tra le cose sue memorabili eravi una faccia di Mose velata che era vicino la porta
che ha i leoni di macigno sopra; la quale era di grandissimo magistero, fu levata intera
quando si voltò il detto chiostro et donata a M.r0 Innocenzo da Venezia che quivi era a
studio. Vi erano anco altre bellissime figure fatte di colori finissimi et di gran spesa.
M/° Pier da Brensa hebbe dal monastero per fattura di detto chiostro lire 321 et soldi 10?
cioè in una partita lire 135 e in un'altra partita lire 186 et sol. 10 le quali lire 186 furono
danari havuti per molte lastre di marmo delle sepolture del chiostro de' morti vendute a
San Petronio. „ 1

ei successivi lavori di maestro Pietro da Brensa parleremo più avanti.
La sagrestia fu riedificata sul luogo di quella del secolo precedente nel 1385, a spese
di Francesco Capelli bolognese. La moglie di questi fece poi costrurre ricchissimi armari
lavorati ad intarsio per riporvi i paramenti e gli arredi sacri, ma malauguratamente anda-

1 Archivio di Stato di Bologna. Demaniale. Eremitani di San Giacomo. 122/1728 Libro economico an-
tico, ecc., c. 79, 80.
loading ...