Archivio storico dell'arte — 7.1894

Seite: 366
DOI Heft: 10.11588/diglit.19206.37
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19206.41
DOI Seite: 10.11588/diglit.19206#0409
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1894/0409
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
NUOVI DOCUMENTI

prò dicto ministerio et timeat gravari aut mole-
stali ab infrascriptis Massariis et hominibus vide-
licet a Massario, nraratorum et a magistris ligna-
minum et eorum massario. Item a pictoribus et
eorum massario nec non ab aurificibus et eorum
massario cum quilibet dictarum artium pretendat
exercitium ipsius supplicantis fore ac esse de eorum
membro et subditum eorum artibus et per conse-
quens ipsum supplicantem cum suis iuvenibus et
garzonis tenerj ac obbligatum esse solvere obedien-
tiam ex fonna suorum statutorum : quod esset valde
grave ipsi supplicanti et nisi provideatur foret
necessarium eidem se absentare a civitate Bononie
eiusque comitatu et districtu et ad alias civitates
se transferre et in ipsis eius ministerium exercere
propter gravamina et molestias, que eidem infer-
rentur prò predictis et ex causa predictorum a su-
prascriptis personis et hominibus. Et propterea pla-
ceat eidem Supplicanti providere de remedio op-
portuno et ex vestro speciali decreto eundem cum
suis iuvenibus et garzonis tam presentibus quam
futuris si et in quantum posset dici subditis dictis
Massarijs dictarum artium predictis de causis seu
alicuj ipsorum facere exemptum et immunem et
decernere et declarare dictum Supplicantem cum
suis Iuvenibus et garzonis non esse obligatum
solvere aliquid Massarijs dictarum artium pretestu
et occasione dicti exercitij prò obedientia et non
esse suppositum alicuj artium predictarum et suc-
cessive mandare suprascriptis Massariis et homi-
nibus dictarum artium : ut ne pretextu predictorum
aliquo modo gravarj aut molestari audeant vel
presumerit dictum supplicantem nec etiam dictos
eius Iuvenes et garzonos tam presentes quam fu-
turos. Partium citationibus non factis, lee;ibus,
statutis, provisionibus etiam dictarum artium et
alijs quibuscumque in contrarium facientibus non
obstantibus etiam si essent talia de quibus habenda
esset specialis mentio : quibus omnibus et singulis
ex certa vestii scientia et proprio motu intelligetur
et sit derogatum. Eximimus et immunem facimus
supplicantem cum fannulis et alijs secum laboran-
tibus usque per tempus quo in dieta archa labo-
rabitur per eosdem ut petitur Barnabas de Ben-
natis locumtenes. Datum Bononie Die xvj Januarij
MccccLxx primo

la Antiquus. „

Lo stesso giorno gli Anziani concedevano al-
l'artista e ai suoi garzoni l'esenzione richiesta,
come pure risulta da altro partito di ugual data,

Il lavoro in San Domenico fu poi finito, come
è noto, nel 1473.

Un altro lavoro notevolissimo di Nicolò dal-
l'Arca conserva Bologna nella Madonna col Bam-
bino sulla fronte del palazzo pubblico, splendida
terracotta, la cui doratura, della quale rimangono
traccie, indusse il Vasari a ritenerla erroneamente
di bronzo.

Col mandato di pagamento che qui riportiamo,
il Comune saldava il suo debito coll'artista,

" Per omnes fabas albas obtentum fuit quod
de pecuniis ex ordinariis Camere solvantur libre
viginti bononie Magnifico Domino Galeatio Mare-
scotti vexillifero iusticiae ex quibus solvat libras
quindecim bononie M° Nicolao de Apulia prò parte
pretii et solutionis eiusdem Imaginis gloriose Vir-
ginis Marie, quam fecit ex comissione Magnifico-
rum Dominorum Antianorum ut ponatur et figatur
in murum palatij Besidentie Reverendissimi Do-
mini Legati et ipsorum dominorum Antianorum:
ubi erat figura ipsius Virginis Marie a ventis et
a pluviis corrosa et destructa . . . L. 20 — „

IL

Giacomo Filippo Ditraldi ferrarese dipinge la chiesa
di S. Salvatore in Bologna.

Nel 1473 si ricostruiva la chiesa di S. Salvatore
in Bologna e il 15 novembre dell'anno stesso si ro-
gava l'atto di convenzione tra i canonici e l'archi-
tetto maestro Giacomo Achi, detto Matola, per la
costruzione della fabbrica. Il 25 febbraio del susse-
guente anno si stendeva un contratto separato con
lo stesso artista per la costruzione del tetto, e
finalmente il 22 febbraio dello stesso 1474 il pit-
tore ferrarese maestro Giacomo Filippo di Paolo
Ditraldi si obbligava di dipingere la chiesa. Que-
sto artista vien ricordato di nuovo nel 1476 in un
atto giudiziario e nel 1484, quando la vedova di
Nicolò Sanuti diede in permuta a Giovanni II
Bentivoglio lo splendido palazzo ora Bevilacqua e

10 fece stimare da Giacomo Filippo di Paolo da
Ferrara e Benedetto di Michele da Pistoia come
uomini pratici in simili cose e che avevano cogni-
zione delle spese sostenute per edificarlo.

Ed ora ecco la trascrizione del contratto tra

11 pittore ferrarese e i canonici di S. Salvatore per
dipingere la chiesa.

" Adi xxij de Febraro 1474.
" Al nome de Dio amen. Sia noto et manifesto
! a ciascaduna persona ligera onero audira legere
loading ...