Archivio storico dell'arte — 7.1894

Seite: 415
DOI Heft: 10.11588/diglit.19206.44
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19206.45
DOI Seite: 10.11588/diglit.19206#0458
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1894/0458
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
GIORGIO DA SEBENICO ARCHITETTO E SCULTORE

1 15

et conveniente alle promesse sopradicte et segondo el designo supradicto et degna de sopradicto
pregio.

Item e contra el prefato comuno promette al dicto magistro giorgio nauti tracio dare et

nei verbali di altre adunanze consiliari tenutesi il
5 ottobre 155G, 12 febbraio 15G0, 10 aprile, 21 giugno
e 15) luglio 1561. Nella terza si trattò della stima
da praticarsi sui lavori fatti per una Loggia dagli
scarpellini; nella quarta si decretò che di là si to-
gliessero l'arme del comune d'Ancona (non quella del-
l'uomo armato a cavallo scolpito, non so bene se in
pietra od in marmo, di quasi tutto rilievo da G-iorgio
da Sebenico sulla facciata, ma un'altra in stucco,
posta nell' interno) e quelle dei tre deputati e vi si
mettesse invece San Ciriaco all' incontro della Ma-
donna nella quinta, che i deputati facciano nuova
scelta di periti per far la stima giusta e ragionevole
dei lavori occorsi pel medesimo edificio. Con i la-
vori accennati in quest'ultimo atto panni non deb-
bano andar confusi i murarii e da scarpellino che,
sotto la guida del Tibaldi architetto, si fecero per
le facciate davanti e di dietro della Loggia ed anche
per le sue due altre muraglie laterali. Quelli infatti
furono i decorativi, consistenti in pitture a olio, in
sculture a stucco, e in dorature, allogati allo stesso
Tibaldi, secondo ne fanno indubitata fede i due
seguenti istromenti, che io per il primo, credo di
avere scoperti, a carte 172,t> e 173 del Protocollo degli
atti celebrati nel 1558 a rogito di Girolamo Giusti-
niani, conservato nell'Archivio notarile di Ancona.

" Conventio Inter Deputatos Magnifici comunis
ancone Super Lodia et Magnificum peregrinum de
bononia pictorem.

" Die vigessima sexta mensis novembris (1558).
Actum Ancone in Stantijs nouis funnici Magnifici
communis Ancone qui positus est In parrochia Ec-
clesie Sancte Marie de mercato Juxta lodiam Com-
munis predicti, res heredum quondam Domini aloysij
de gozzis de ragusio mare hadriaticum viam publi-
cam et alia latera presentibus francisco gabrielle et
Simone de Capulionibus de ancona Johanne baptista
rucellaj de florentia et magnifico petronicolio bap-
tiste de sancto angelo in vado muratore habitato-
ribus ancona Testibus.

" Dominus Johannes Senatns, Ser petrus gentiles
Senilis et Johannes de bocchanemicibus (sic) de an-
cona regulatores et adsignati comissarij et deputati
a Magnifico Consilio Ancone super fabrica lodie
mercatorum Magnifice Ciuitatis ancone vigore de-
creti eiusdem Magnifici consilij anconitani (?) prò
una et Magnifìcus peregrinus Thebaldi de Thebaldis
de bononia pictor In presentiarum ancone degens
ex altera: per eos et eorum heredes et successores
quibus supra nominibus venerunt ad Infrascriptam
conventionem pactum concordiam et coptimum super

ornamentis lodie et arcuultorum (sic) eiusdem ma-
terno sermone exprimendis videlicet:

" Perho (sic) el dicto maestro peregrino per se e
suj heredj promise e convenne alli dicti messer giu-
hannj ser piergentile e giuhanni commissarij e de-
putati predicti et a me notario Infrascripto presente
stipulante e recipiente in nome e vece del Magni-
fico comune de ancona la volta e cornicione de dieta
loggia e tutti ornamenti da farsi in essa volta e
cornicione fare e mettere a perfectione quanto più
presto potrà Cioè cominciare e finire e non Jntrare
in altre opere e lavorj fino alla fine de essa opera
ma continuato tempore lauorare et non cessare da
esso lavoro secondo II disegno mostrato publica-
mente nel magnifico consiglio sotto scripto dietro
esso disegno de mano de esso maestro peregrino e
per essi deputati a tutte sue spese de oro colorj
stuccho e de qual si vogli altra cosa dalli cornicioni
In su dacendoli la uolta biancha Ciò è essa uolta
In questo modo, nelli quattro nicchi quattro figure
de rilievo tonde di stuccho (Fede, Speranza, Carità
e Religione, rifatta quest'ultima da Gioacchino Varie)
vestite e collocate secondo secondo (sic) saranno da
cordo (sic) tra loro esse parti, le quattro arme sopra
dicti nicchi nellj capi dellj scompartimenti de relevo
secondo decto disegno de oro e Colori fini secondo
le altre arme della Magnifica comunità de ancona
con le armi e imprese della chiesia di sopra : Nelli
Campj quadratj In dicto disegno restati In albis
promise fare Istorie come parerà ad essi deputatj
in dicto nome (invece di Storie, vi pennelleggiò la Pace,
la Tcynpcranza, la Perseveranza, la Sapienza, la Pru-
denza, la Vigilanza, la Vittoria e' da ultimo la For-
tezza simboleggiata da Ercole con la clava in mano e
sotto i piedi un leone) colorite ad olio de Colori bo-
nissimi e finissimi: et le quattro figure nominate
virtù (cioè: le suddette Statue in stucco) nellj quattro
quadrj Triangolari promise farle colorite ad olio
(non so se sempre sieno state, come ora, in bianco)
de colorj bonj e finissimj come di sopra. E parimente
ornare II quadro di mezzo oltre la Istoria (che rap-
presenta il Salvatore in gloria sopra le nubi, con ai lati
la Giustizia e la Misericordia c sotto a' piedi V Eresia).
de Colori finissimj come ricerca lopra e si dimostra
per decto disegno promise ancora fare nel scompar-
timento di tutta la uolta di lauorj Indoratj de oro
finissimo secondo dimostra esso disegno Ciò è la
Chiocciola quadra nellj pilastrellj da banda, Et più
la cinctula tonda che va a torno in tondo delle teste
de lione tutte doro finissimo e ornarla di perle se-
condo dimostra il disegno Et p!u ornar li sfondatj
loading ...