Archivio storico dell'arte — 7.1894

Seite: 424
DOI Heft: 10.11588/diglit.19206.44
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19206.45
DOI Seite: 10.11588/diglit.19206#0467
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1894/0467
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
121

PIETRO GIANUIZZI

existente Imbanco (sic) siue apotheca dionisij Johannis de ancona posito ancone Imparochia (sic)
sancii nicolaj iuxta res elicti dionisij res Jacobi Johanis (sic) angeli viam publicam et alia
latera Sub anno dominj anatiuitate (sic) eiusdem milleximo (sic) quatringenteximo (sic) quinqua-
geximo (sic) octauo Indictione sexta tempore sanctissimi Incliristo (sic) patris et dominj domini
nostri pij divina providentia pape secundi die xxj mensis decembris presentibus Johanne dio-
nisij et Jacobo Simonis bartoli de ancona testibus ad hoc vocatis habitis et rogatis Et absente
paido liberij de bonarellis de ancona arbitro et arbitratore electo et deputato vna cum dictis Ca-
listo et quiriaco a dictis partibus prout Indicto compromisso continetur et ctiam absentibus par-
tibiis predictis. 1

4.

6 febbraio 1159.
Archivio suddetto, 1. e, protocollo n. 2, anno 1459, c. 31a.

Elezione di nuovi arbitri nelle persone di Giovanni di Biagio (Antici), Leonardo di Pietro
Bonarelli d'Ancona, Arcangelo Chiavelli di Camerino, fatta da Giorgio da Sebenico e dai
sindaci ed operai della chiesa di San Francesco delle Scale di Ancona per giudicare sul
ricorso in appello avanzato dall'una e dall'altra parte contro la sentenza emanata a loro
carico dai primi arbitri sotto il 21 di dicembre del 1458.

Electio facta Inter Magistrum georgium matej et fratres sancti francisci de ancona.

Die vi mensis februarij [1459, Indizione VII, Pontificato di Pio II] aduni ancone In
banco nicolaj leonardj de bonarellis de ancona posito In parochia sancte marie mercati iuxta
resantonjacobi macellari) viam publicam et alia latera presentibus Jacobo masscelli (sic) et set
Stefano antonij de ancona testibus etc. Cum hoc fuerit et sit quod inter fratres sindicos et ope-
rarios ecclesie sancti francisci de ancona ex vna parte et Magistrum georgium matej lapidarium
de sibiniquo habìtatorem ancone ex edia parte fuerit lata quedam sententia arbitralis scripta et
publicata manu mei notarij Infrascripti et diete partes appellauerint ad magnificimi consilium
comunitatis ancone et elegerint Ineorum (sic) Judices recursus Johannem blaxij et leonardum
petri de bonarellis de ancona et In electione tertij judicis recursus non fuerint concordes ipse
partes vt ipse partes infrascripte dixerunt et asseruerunt Idcirco nicolaus leonardj de bonarellis
et dominus angelus Jacobi de ancona Sindicj et operarij diete ecclesie ex una et dictus magister
georgius ex alia de eorum concordia et voluntate elegerunt archangelum de ctauellis de Camerino
habitatorem ancone absentem tamquam presentem In eorum tertium Judicem recursus et revisorem
ad reuidendum vna cum dictis Johanne blaxij et leonardo petri dictam sententiam omnia et sin-
gida fatiendo secundum formam reformationis magnifici consilij omni meliori modo etc.

5.

1° marzo 1459.
Archivio suddetto, 1. e, 1459, c. 47 b.

Protesta di Giorgio da Sebenico diretta ad ottenere che Giovanni di Biagio Antici e
Leonardo di Pietro Bonarelli ambedue anconitani ed Angelo Chiavelli camerinese, arbitri

1 Dopo la pubblicazione di questo solennissimo cui l'aveva aggiudicata il Vasari, mancò però di resti-
documento non clic dell'altro che lo precede e dei tuirla a Giorgio da Sebenico cui era dovuta: e, per
sei che lo susseguono, amo sperare che nessun nuovo giunta rapì al medesimo (cui non aveala data, è vero,
scrittore oserà seguire l'asserto del Filibien. Quegli, ma neanche tolta il Vasari) questa di San Francesco
se fece bene a non mostrar di voler dire che la porta delleScale, colgabellarlaperoperadiMoccio già morto
di Sant'Agostino d'Ancona fosse di Moccio Aretino a da oltre un secolo avanti che la si fosse commessa.
loading ...