Archivio storico dell'arte — 7.1894

Seite: 429
DOI Heft: 10.11588/diglit.19206.44
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19206.45
DOI Seite: 10.11588/diglit.19206#0472
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1894/0472
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
GIOEGIO DA SEBENICO ARCHITETTO E SCULTORE

429

10.

8 giugno 1459.
Archivio suddetto 1. c. 1459, ce. 103 b e 104 a.

Istrumento dell'acquisto fatto da Giorgio da Sebenico di una casa situata in Ancona
nella parrocchia di Santa Maria del Mercato presso i beni di Leonardo Bonarelli, la via
pubblica ed altri lati, per il prezzo di 28 ducati d'oro (zecchini) veneziani, vendutagli
dall'anconitano Giovanni di Meo degli Agli.

Emptio domus Maghivi Georgi} lapidari] habitatoris ancone.

Die vii]'1 mensis Junij [1459, Indizione VII, Pontificato di Pio II] actum ancone Inupo-
teca (sic) ser thome marchecti de ancona posita Imparochia (sic) sancii nicolaj iuxta res episco-
patus ancone res ser antonjohannis magistri Jacobi viam publicam et alia luterà presente michaele
dominicj et magistro petro neri] de ancona testibus ad hoc vocatis habitis et rogatis. Johannes
mei de aleis de ancona maior xx annis et pnblicus mercutor vt ipse dixit cum presentia consensu
et voluntate Simonis Jo[hannis] de brinciis de ancona eius proximioris consanguinei ex latere
matris vt ipsi dixerunt Jure proprio et Imperpetuum (sic) per se et suos heredes dedit vendidit
trudidit et habere concessit Magistro georgio mate] lapidario habitatori ancone presenti ementi
stipulanti et recipienti prò se et suis heredibus vnam domimi positum ancone Imparochia (sic)
Sancte marie mercati1 iuxta res Leonardi petri de bonarellis viam publicam et alia luterà si
qua (sic) sunt veriora cum omnj Jure et actione vsu seu requisitis ad ipsam rem venditam sive
ipsi rei vendite quomodocumque et qualitercumque pcrtinentibus sive spectantibus et cum omnibus
et singulis que dieta res vendita habet In se super se Infra se seu Inter se habitis In Integrimi
cum Introitibus et exitibus suis vsque Invias (sic) publicas et cum omnibus suis pertinentijs ad
habendum tenendum possidendum fructuandum vendendum obligandum edienandum et quodquod
dicto emptori et suis Jieredibus deinceps placucrit perpetuo fatiendum. Et hoc prò prctio et
nomine preti) viginti odo ducatorum aurj Venetorum quod pretium totum et Integrimi dictus
venditor fuit vere contentus et confexus (sic) Imbuisse recepisse et penes se habere a dicto emptore
Renuntians dictus venditor exceptionj diete conditionis non facte rei non sic geste et dicti preti]
non habiti non recepti sibique dati soluti et numerati a dicto emptore et predicta omnia non
fuisse et non esse vt dictum est et presens contractus continet et exceptioni doli mali condictioni
In factum sine causa et ornili ali] log imi et Juris auxilijs. De quo predio loto et eius occaxione
dictus venditor per se et suos heredes finem quictationem liberationem absolutionem et pactum
perpetuale de vlterius cdiquod non petendo nec peti fatiendo. Quam rem venditam constituit se
dictus venditor nomine dicti emptoris et prò eo tenere et possidere donec etc.

1 Se la parrocchia di Santa Maria del Mercato,
detta poi di Piazza, avesse compreso, al tempo di
Giorgio, anche l'attuale parrocchia di Santa Maria
della Misericordia, sarebbe da pensare che questa
casa da lui comperata, potesse essere la ora segnata
nella via del Porto col numero civico 99, passata
già ai Quintiliani, indi ai Pavani e ultimamente
acquistata dai Clementi. Gl'indizi che moverebbero
a ciò supporre, sono: il portone della stessa casa
di stile prettamente veneziano e dell'epoca del me-
desimo Giorgio, ornato sul fregio di un' annetta con
svolazzi e nappi nel cui campo è stata rasa l'insegna
per modo che non ne conserva traccia e l'architrave

Archivio storico dell'Arie - Aimo VII, Fase. VI.

riposante su due mensole, delle quali, una rifatta
da tempo non antico, e l'altra antica ove è scolpito
un rosoncino a cinque foglie che rammenta la rosa
degli Orsini; e più che mai la tradizione avuta dal-
l'attuale posseditrice che, poco prima dell'acquisto da
lei fattone, nei sotterranei siano state trovate delle
statue od avanzi di statue in pietra non si sa da
chi involate o vendute. Se essa non fosse la casa
ricordata in quest'atto, potrebbe repxitarsi come un'al-
tra posseduta pure da Giorgio e da lui acquistata
per formarvi il suo studio o laboratorio, pel quale
dovea essere adattatissima, stante la facilità di con-
durvi i marmi dal vicinissimo porto.

5
loading ...