Archivio storico dell'arte — 7.1894

Seite: 449
DOI Heft: 10.11588/diglit.19206.44
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19206.45
DOI Seite: 10.11588/diglit.19206#0492
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1894/0492
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
GIORGIO DA SEBENICO ARCHITETTO E SCULTORE

449

nueniens: et opportunum diete porte: Item duos hambinos seu spiritellos super dictos Leones
spichatos videlicet plus medio Palmo :1 et super dietos hambinos sequendo^ Vnum Vas Cum vna

et soluere ilio tunc bolonenos uiginti prò die per tot
dies quos perdent uel perdet in hac coniunctura (?)
prò exigendo dictam quantitatem pecunie Renun- •
tians etc. et prò quibus sic obseruandis obligauit se
et omnia eius bona libro Justitie Ciuitatis Raclia-
nati omni modo etc. et Ita Jurauit et promissit (sic)
etc obligauit et ipsum magistrum baldisarem con-
stituerunt (sic) procuratorem ad exigendum dictas
pecunias. „

" Die IIJ octobris (1481, indizione XIV, Pontifi-
cato di Sisto IV). Actum in Ciuitate Raclianati in
Quarterio Sancti Angeli in domo berardini ceciliani
posita justa (sic) bona mathei pauli ab uno latere
viam comunis a parte ante et alios fines presentibus
noffrio bartolomei et filipo (sic) per Jacobi et ludo-
uico perne testibus etc.

" Magister baldissar (sic) marmorarius nomine et
ipsius baldisaris et nomine magistri tliadei et ga-
sparis suorum sociorum habens plenum mamdatum
provt patet [marni] mei notarii prò quibus de rato
promisit sponte etc. facit generalem fìnem et quie-
tationem et pactum de vlterius non petendo petro
matliei pauli nomine et vice dicti mathei presentis
et recipientis et nomine et vice omnium quorum in-
terest et interesse poterit de ducatis nonaginta qua-
tuor auri auri (sic) venetis (?) quos dictus matlieus
tenebatur dictis magistris prò fabriclia porte sancti
dominici de Raclianato prout patet publico instru-
mento manu ser pergeorgii antonii inde rogati com-
putatis ducatis xxviij monete quos babuit et recepit
a dicto petro nomine et vice dicti matliei eius procu-
ratoris in monetis argenti prò ultimo et complemento
dictorum nonaginta quatuor ducatorum auri predicto-
rum et de omni eo et toto quod idem baldisar suo
nomine et nominibus quibus supra recipere tenerentur
et peterepossentusquein presentem diem quam quan-
titatem ipse magister baldisar liabuit et recepit in
presentia mei notarij et testium infrascriptorum uel
quacumque alia de causa liberans et absolvens eun-
dem matheum et omnes ad quos interest et interesse
poterit per aquilianam stipulationem et aceptilla-
tionem (sic) legiptime (sic) interuenientes et lioc ideo
facit quia sponte contessus fuit sibi ipsis (sic) esse in-
tegre satisfactum a dicto matheo etc. Renuntians etc.
ac promitit etc. Jurat etc. obligat etc. „

E poiché ho riportato questi due istrumenti re-
lativi alla porta della chiesa di San Domenico di
Recanati, non so astenermi dal riprodurne un altro
egualmente inedito, risguardante però la porta di
quella di Sant'Agostino della medesima città, il cui
disegno, senza alcuno scrupolo, ritengo del pari
essere stato fornito da Giuliano da Maiano. Altra

differenza infatti non avvertesi nell' organismo ar-
chitettonico di ambedue se non che, le colonne della
prima sono sostenute sul dorso da due leoni, e da
due grifi quelle della seconda. Questa seconda porta
recanatese può dirsi integra, non avendo di man-
cante, se non soltanto i becchi dei grifi; di consu-
mato, se non qualche dettaglio delle loro teste, e
di rotto, unicamente una piccola parte di un capi-
tello, fatta da me provvisoriamente assicurare con
una legatura di fil di ferro zincato. È da notarvi
però che, per essere stata, non so il quando, rimossa
dal primitivo suo posto, che era sul fianco destro
della detta chiesa, e ricollocata sulla facciata della
medesima, la parte destra del suo imbotte fu messa
a sinistra e la sinistra a destra ; sicché, i Serafini
che vi sono scolpiti, stranamente veggonsi capovolti:
inconveniente gravissimo, che di leggieri potrebbesi,
e prontamente dovrebbesi riparare. L'artista che la
lavorò e il prezzo che ne ritrasse apparisce dall'Atto
relativo alla medesima per me trascritto dai proto-
colli del suenunciato notaio Lodovico di Federico.

" Die 19 Junii (1484, Indizione II, Pontificato di
Sisto IV). Actum in Q. S. A. (cioè, quartiere di San-
t'Angelo) in strada comunis ante Ecclesiam Sancti
augustini ab uno latere et ab alio bona diete Eccle-
sie et aliis finibus presentibus fratre vito ordinis
sancti dominici at dominico lombardo testibus.

" Magister Jacobus Joannes de partibus flan-
dere (sic) habitator Rachanati sponte promisit et
conuenjt fratri nardo presenti et recipienti ut sin-
dico conuentus sancti augustini facere et fabricare
ac intagliare imam portam ecclesie sancti agostini
versus stradam prope domum honofrii omnibus
sumptibus dicti conventus hinc per totum mensem
septembris proximi futuri et hoc prò pretio et pretii
nomine ducatorum XXli monete de quo pretio di-
ctus magister Joannes fuit contentus et confessus
Imbuisse et recepisse a dicto sindico ducatos duode-
cim monete et residuum dicti pretii dictus sindicus
promisit eidem magistro Joanni dare et soluere facta
dieta porta renumptians etc. promittens etc. jurans etc.
et obligans etc. „

1 Questi putti, o angioletti, insieme con i loro
leoni, scolpiti assai probabilmente come quelli di
Recanati, su pietra bianca della stessa qualità di
cui é composta la porta, sono, non si sa da quanto,
ma certo da lungo tempo, scomparsi. I piccoli leoni
(lunghi cent. 70. alti cent. 30 circa) sostituiti ai di-
segnati da Giorgio, sono di forse più che due se-
coli a lui anteriori e scolpiti in rosso di Verona,
né portano traccia d'aver mai avuto putti sul loro
dorso, su cui hanno invece ripiegate le proprie code.
loading ...