Archivio storico dell'arte — 7.1894

Seite: 454
DOI Heft: 10.11588/diglit.19206.44
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19206.45
DOI Seite: 10.11588/diglit.19206#0497
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1894/0497
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i:>i

PIKTRO (ITANITZZI

Lavorare et coniungere Insilimi Ita <ik<><1 quasi non videantur Rimule, sai Juncture In toto
Intuir* rio diete porte a pede usque ad summum: prò vt sunt Contundi lapides Qui soni mi pre-
sens positi Importo per dictum Magistrum georgeum1 Et hoc prò eo quia dicti fratris et Com-
missari] rivo, et nomine dicti Conuentus per eos et eorum successores In dieta offitio promis-
serunt, et conuenerunt dictis magistris dare apud dictam portam Lignamina Cum ferramentis,
Taleas, Arganas (sic) sine Cordisi plumbum Ramen prò Ligando Lapides Laboratos: Colei■m,
sa/>ofuin et mattones: Et prò eorum salario, et Mercede omnium predictorum dictis Magistris
dure et soluere, sine aliqua Lite etc. ducatos ducentos quinquaginta aureos Venetos Insti pon-
deris,2 uel Valorem ipsorum ducentorum quinquaginta ducatorum auri ad Terminimi Infra-
scriptum: videlicet: In fra (sic) Vnum mensem Centum fiorenos Monete datos per Commune an-
cone et Residuum diete mercedis prò vt ponent In Laborerio Lapides, Ita quoti perfecta dieta
porta sint Integre soluti, et satisfacti dicti Magistri de dieta mercede : Et quod Terminum diete
porte Fiende Incipiat a die qua habebunt dicti magistri dictos denarios. Hoc etiam pacto quod
si opus erit (ultra per altitudinem Remouere dictum oculum et éleuari in altum teneantur dicti
magistri eorum magisterio destruere dictum oculum 3 et facere alium oculum altitudinis trium
pedum uel Circha si opus erit: Renuntiantes etc. Que omnia et singula super scripta promise-
runt diete partes ad inuicem et uicissim per eos et eorum heredes et successores. videlicet vna
pars alteri, et altera alteri etc. Ad tenendum et obseruandum etc. Sub Rena dupli etc. et obli-
gatione bonorum dicti Conuentus etc. et bona dictorum Magistrorum etc. Que bona etc. In quibus
bonis etc. Jurauerunt eie.

Pietro Gianuizzi.

testate Ecclesiae, situata sopra la detta di San Nicola
da Tolentino e mostrante un libro aperto tenuto
al petto, e l'altra d'un mitrato collocata sopra Santa
Monica, che reputo rappresenti san Valerio, vescovo
d'Ippona, il cruale investì Sant'Agostino della sua
medesima dignità e condivise con lui il governo
spirituale di quella illustre sede. A tali statue, è
chiaramente detto che mancavano d'esser finite le
teste, che però può credersi fossero già state ab-
bozzate.

1 La cura avuta dai committenti di questa porta,
perchè fosse in modo composta da non lasciar tra-
vedere neanco le commessure de' suoi marmi, do-

vrebbe essere di stimolo a cui spetta di gelosissi-
mamente conservarla insieme alle altre splendide
ed esattissime opere di Giorgio che sono in Ancona,
le quali non sono certo perfettamente custodite come
si meritano.

2 Anche la somma qui pattuita con i nuovi ar-
tisti mostra chiaro che, per compiere questa porta
disegnata e iniziata da Giorgio, non mancava che
un terzo, poiché, per tutta, s' era convenuto di dare
a lui 650 ducati.

3 Intendasi bene : l'occhialone di murato che era
già sulla facciata, npn già l'ornamento di marmo
che vi dovea esser posto in capo alla porta.
loading ...