Archivio storico dell'arte — 2.Ser. 1.1895

Seite: 19
DOI Heft: 10.11588/diglit.19207.2
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19207.4
DOI Seite: 10.11588/diglit.19207#0028
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1895/0028
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
BERNARDINO LUINI E LA PELUCCA

19

monasterio, quod Sanctse Mariae Gratiarum dicitur. Ibi cimi ego olim infidum tanto operi
parieteni, excidentesque crustas inspexissem, desiderio exarsi conseruandi operis, si qua
humana ope id assequi possem: ac super ea re probatum milii Pictorem appellalii. Is pieno
desperationis sermone corruptas, et eaunidas, dilapsasque figuras arguendo, spenti primam
meam oinnem infregit: deinde monitus, ut capita saltem nonnulla Apostolorum, qua3 adhuc
extarent, exprimere ne cunctaretur, postquam id fecerat, duoque, vel tria capita comparuere,
sic desperatione damnata sua, spes mea nitro creuere. Ita lente, et laboriose et magno
omnium taedio per temporum etiam interualla opus est absolutum, quale jam extat: argu-

ii. 25-29 — MOTIVI DECORATIVI PER LUNETTE DI TOLTA

(Fotografia Montabone, Milano)

mentumque dittìcultatum istarum esse potest hoc ipsum, quod non lintei unius continuato
tenore, sed separatis, interpolatisque linteis liac Triclinii exempla continentur. I)e artifìcis
fide dubitari non potest, quia et Leonardi ipsius exemplaria in membranis reperto sunt ad
liane eandem formam, et Artifìx ipse craticula, et dilucitatione singula capita explorauit ».

11 cardinale Federico Borromeo può quindi esser ritenuto come il primo il quale abbia
provveduto al trasporto di affreschi di Bernardino Luini, per sottrarli al completo deperi-
mento: ed è pur meritevole^di ricordo l'ardito proposito, ch'egli si era assunto, di staccare
•lai muro la « Cena di Leonardo da Vinci » : proposito che non potè mandare ad effetto
perchè dissuaso dalle persone tecniche, ch'egli credette di consultare. Così, un secolo dopo
che il Re di Francia ebbe ad esprimere, platonicamente, il desiderio di staccare la celebre
opera di Leonardo per farne bottino di guerra, veniva la stessa idea ripresa da quel Borromeo,
«'he, per le intelligenti iniziative spiegate a vantaggio delle arti e delle scienze, si meritò
l'elogio di Alessandro Manzoni nei Promessi Sposi.

Luca Beltrame
loading ...