Archivio storico dell'arte — 2.Ser. 1.1895

Seite: 42
DOI Heft: 10.11588/diglit.19207.2
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19207.6
DOI Seite: 10.11588/diglit.19207#0051
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1895/0051
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
42

pretio scutorum octocentum a sole, et prout latius constat instrumento rogato milìi notario
sub anno 1522 die 27 mensis januarii... prò pretio scutorum sex centum solis ».

Questi documenti provano anche un'altra cosa sin qui ignorata: che il Caroto, dopo il
suo ritorno a Yerona, fu costretto a far replicati viaggi in Monferrato per l'amministra-
zione o per la vendita dei suoi beni, e che una volta vi sostò così a lungo che il notaio
De Alba potè designarlo come residente in Casale.

In un altro atto, ricevuto dallo stesso notaio tre anni dopo, ricompare il nome di
Caroto; ma questa menzione si riferisce a tempi precedenti, nè rimane per essa provato che
il nostro artista nel 1526 sia di nuovo andato a Casale.

1526, 17 febbraio. — « Cum ita sit quod reverendus sacre theologie magister dominus
frater Yincentius de Becliis ordinis fratrum predicatorum et prior dicti conventus [sancti
Dominici] ac minister et rector hospitalis Sancte Marie Gratiarum civitatis Casalis dederit
titillo permutationis magistro Caroto pictori Yeronensi tunc habitanti in liac civitate Casa-
lensi proprietates infrascriptas videlecit de proprietatibus dicti hospitalis ; Et primo petiam
unam terre modiorum octo... sitam in finibus Casalis... (omissis); Et ipse magister Fran-
ciscus Carotus in scuntrum et cambium dederit prefato domino ministro alias proprietates
sitas tam in finibus Conzani quam Camanie, et de quibus constat alio instrumento predicte
permutationis rogato mihi notario infrascripto... ; Et ipse magister Franciscus promisisset
prefato domino ministro... dictas proprietates... infra quatuor annos tunc proxime futuros
prò scutis octocentum a sole... prout constat alio publico instrumento rogato mihi notario
sub anno 1522 die vigesimo septimo mensis januarii; Et ex post ipse magister Franciscus
cesserit et vendiderit ipsas proprietates spectabilibus dominis Carolo et Alexandre fratribus
de Montilio ex nobilibus Yillenove... pacto expresso quod ipsi fratres de Montilio teneantur
vendere prefato domino ministro dictas proprietates..., prout constat alio publico instru-
mento rogato mihi notario sub anno 1523 die 28 mensis martii; Hinc fuit et est quod
prefati domini fratres Carolus et Alexander de Montilio... vendunt... prefato domino Yin-
centio... recipienti nomine dicti hospitalis suprascriptas pecias terrarum... prò precio
dictorum scutorum octocentum... ».

Qui ha termine questo studio sulJa dimora fatta da Giovan Francesco Caroto in Mon-
ferrato. Se esso non contiene scoperte di grande importanza, nemmeno si potrà dire inutile,
come quello che raddrizza più d'un errore sfuggito agli scrittori anteriori, dà qualche nuovo
particolare biografico, fa conoscere alcune opere ignorate o credute distrutte e fornisce
indizi per ritrovarne altre.

Alessandro Yesme.
loading ...