Archivio storico dell'arte — 2.Ser. 1.1895

Seite: 51
DOI Heft: 10.11588/diglit.19207.2
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19207.7
DOI Seite: 10.11588/diglit.19207#0060
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1895/0060
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
51

abbia lavorato alla Madonna, che è sul frontispizio della chiesa; eppoi quel ponendam in
maìoris ecclesie può forse credersi si riferisca a quella che avrebbe dovuto andare sulla
facciata? Certo quella figura che tuttora si vede fu lavorata dopo, e non può quindi ascri-
versi al nostro; e infatti a Bertuccio d'Ugolino da Carrara furono pagate a dì 27 di luglio

LA TESTA DELLA VERGINE SULLA PORTA DEL SAN GIOVANNI

del 1346 lire 66 e soldi 10 per il prezzo del marmo occorrente per la nuova immagine,
che la vecchia, nel 1322, essendo terremoti grandissimi, cadde.1 Ne può del resto credersi
che Giovanni abbia lavorato agli ornati della chiesetta della Spina, la quale fu condotta
allo stato in cui attualmente si trova non certo prima del 1325; ed esaminati attentamente
tutti quei lavori di scultura, noi non sappiamo ritrovare in essi i caratteri e la maniera

1 Sardo, Archicio storico italiano, VI-II, p. 104.
loading ...