Archivio storico dell'arte — 2.Ser. 1.1895

Seite: 93
DOI Heft: 10.11588/diglit.19207.2
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19207.9
DOI Seite: 10.11588/diglit.19207#0102
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1895/0102
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LA GALLERIA NAZIONALE DI LONDRA

93

riesce inoltre eminentemente vero, il Mantegna contrasta per la strana aridità del suo predi-
letto paesaggio roccioso. La parte die vi attira maggiormente la nostra attenzione è quella
della rappresentazione della città che cinge le erte montagne, intesa a rappresentare Geru-
salemme. Questa parte trova riscontro in altra analogamente intesa dal Mantegna in uno
de' suoi freschi della Camera degli Sposi nel palazzo Gonzaga a Mantova, dove una città dalle
mura turrite si stende parimenti intorno ad un monte. Come in quella dell'affresco il pittore
si è compiaciuto di dare forma architettonica determinata a parecchi edifìci, così in quella
di che si ragiona con vie maggiore precisione si vedono designati diversi edifìci esistenti
a Roma e a Padova. 11 Richter già citato li prende in rassegna e ravvisa giustamente nella
torre principale gli avanzi tuttora esistenti in Roma della torre di Nerone, un'Arena nel-
l'interno della città, all'imagine di quella di Verona, una colonna a rilievi condotti in linea

Fig. 3a - CRISTO NELL'ORTO, DI GIOVANNI BELLINI

(National Gallery. Da una fotografìa di Mariano Morelli)

spirale, simile a quella di Trajano, sulla quale apparisce collocata la statua equestre del
Gattamelata di Donatello. Accanto ad essa un edifìcio che fa pensare al palazzo della Ra-
gione di Padova. Le torri interne arieggiano quelle di Padova del pari, la più alta in ispecie
quella di Santa Giustina. Tutte cose notevoli e che dimostrano una volta di più come il
Mantegna si compiacesse di ritrarre dal vero gli accessori de'suoi quadri.

Il terzo quadro di scuola italiana che dalla raccolta Northbrook è passato ad arricchire
la pubblica Pinacoteca è la tavola dalle maestose figure, di Fra Sebastiano dal Piombo. 1
Ti è una trovata nuova in codesta dignitosa Madonna, seduta in atto di stendere il braccio
destro sulla spalla del devoto, il quale le s'appressa, colle mani incrociate sul petto, lo sguardo
pietoso rivolto al divino Fanciullo. Questo, giovinetto di belle ed agili forme e dall'espres-
sione animata, in modo insolito sembra porsi sotto la protezione della Madre che lo tiene
colla sinistra. Nel fondo, alquanto nell'ombra, da un lato San Giovanni Battista adulto,
dall'altro San Giuseppe dormiente.

1 Non avendo mezzo di darne una riproduzione, piccola fototipia compresa nel Catalogo della Galleria
mandiamo chi volesse farsene un' idea sensibile alla Northbrook.
loading ...