Archivio storico dell'arte — 2.Ser. 1.1895

Seite: 259
DOI Heft: 10.11588/diglit.19207.25
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19207.29
DOI Seite: 10.11588/diglit.19207#0268
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1895/0268
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
259

*

* *

Un altro maestro di Brescia, Alessandro Bonvicino detto il Moretto, era rappresentato
nella New Grallery, benché in maniera incompleta, con quattro tavole grandi (n.1 56-58 e
11. 64). Per istudiare le sue forme, il suo colorito, la Galleria Nazionale (parlando s'intende
dell'Inghilterra) rimane sempre il posto più importante; in una collezione privata vi si con-
serva pure una tavola interessantissima della sua epoca giovanile, rimarchevole inoltre per

Fig. 19a. - RITRA.TTO MULIEBRE, DI GIULIO CAMPI

(Fotografia Dubray)

la gamma straordinariamente forte del colorito, del tutto diversa da quella delle tinte ar-
gentine, che divennero più tardi così caratteristiche del Bresciano.

XII.

Per quanto concerne i rappresentanti della pittura veneta in un periodo più avanzato,
possiamo farne il riassunto con poche parole.

Il Tintoretto non è rappresentato se non nella grande tavola proveniente da Hampton
Court (n. 159), Ester in presenza del re Assuero.

Gl'innumerevoli ritratti che portano il suo nome non sono degni di lui; nel miglior
caso alcuni potrebbero essere del suo figlio Domenico; non ci è mai riuscito di partecipare
loading ...