Archivio storico dell'arte — 2.Ser. 1.1895

Seite: 338
DOI Heft: 10.11588/diglit.19207.33
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19207.34
DOI Seite: 10.11588/diglit.19207#0347
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1895/0347
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
338 GIULIO BONOLA

segurtà di attendere et observare, quanto di sopra promettono in Novara nel farli il primo
pagamento quale se li farà corno qui de basso — Et li detti consuli et consiliari et predetti
come di sopra per mercede de ditti dipintori et per pagamento d'esso anchona corno di sopra,
promettono dare a li detti depintori scuti centosei d'oro di Italia cioè scuti 26 per tutto il
presente mese et scuti 26 per tutto el mese di Decembre proximo et scuti 26 al calende di
Aprile proximo et scuti 28 quali sono per il suplimento corno la detta anchona sia missa in
opera.

« Haec autem pacta et conventiones etc. praedictae partes conthraentes et quelibet earum
suis et dictis nominibus quibus supra mutuis et debitis stippulationibus liinc inde interve-
nientibus prout supra convenerunt sibi invicem et vicissim etc. firma rata et grata liabere
et tenere etc. ac atendere et observare et non contravenire etc. et causa sic attendendi etc.
praedicte partes et quelibet earum mutuis et debitis stippulationibus hinc inde intervenien-
tibus ut supra sibi invicem et vicissim respective obligaverunt etc. videlicet dicti domini
consules et consiliarij bona et iura dictae communitatis et dicti domini presbiteri ut supra
omnia eorum bona etc. et similiter dicti domini pictores ut supra sese et omnia eorum
bona etc. simul cum omnibus dominis interesse at expensis etc. — Et ad majorem etc. omnes
dictae partes et quelibet earem iuaverunt etc. videlicet dicti domini presbiteri more sacerdo-
tali et alij per sacram scripturam etc. praedicta omnia et singula liabere ratum etc. et non
contravenire etc. sub obligatione praedicta etc. — Et inde, etc.

« Praesentibus testibus domino Joanne Maria de Solario filio quondam domini Simonis
et Francisco de Monzano filio quondam Bartholomaei liabitatoribus Burgimanerij ac Petro

de Taxijs filio quondam de Tarai Io et Guielmo rosignollo figlio quondam Antonij. am-

bobus publicis servitoribus dictae Comunitatis Burgimanerij notis et vocatis etc. ».

*

* *

Da questo istromento si rileva che i Borgomaneresi affidarono il 2 settembre 1566 l'ese-
cuzione del nostro tritico ai pittori Giovanni Rapa e Gerolamo Tarolto, onde si spiega anche
la sigla trovata nel coltello di San Bartolomeo, che ci presenta appunto le iniziali di Jero-
nimo Tarolto.

Il lavoro doveva constare, oltre che delle figure, che ancora vediamo, dei due angioli
e della targa dedicatoria, di cui parlano gl'inventari, anche di due altri quadretti della vita
di San Bartolomeo e dello sportello del tabernacolo con dipintovi il SS. Sacramento; ma dove
dovessero essere collocati questi altri due quadretti non so dire, perche nè al conte Tittorio
Tornielli, che affettuosamente se ne occupò, nè a me, venne dato scoprire negli Archivi di
Novara il modello, che era già allegato all' istromento ; e così non so dire neppure se i pittori
li abbiano eseguiti, oppur no.

*

* *

I due pittori si obbligavano di dar finita la tavola nel luglio 1567, ricevendone 106 scudi
d'oro italiani, in quattro rate, oltre al legname ed alle spese del trasporto e della messa in
opera a Borgomenero.

La prima rata di pagamento venne di fatto versata il 14 del settembre 1566; ed il conte
Tittorio Tornielli ha potuto rinvenire nell'Archivio di Novara la quietanza, che è la seguente:

« 1566. die Sabbati 14 septembris in tertijs in Civitate Novariae ac in apotecha aro-
marum magnifici domini Bernardi de marni

« Dominus Johannes de rappa dominus hieronimus de varoltis et dominus ludovichus
del Canta filius quondam domini Marci Antonij sotius dicti domini Johannis et hieronimi
qui promiserunt etc. non obstante promissione etc. de novo promittunt etc. et prò dicto
loading ...