Archivio storico dell'arte — 2.Ser. 1.1895

Seite: 362
DOI Heft: 10.11588/diglit.19207.33
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19207.35
DOI Seite: 10.11588/diglit.19207#0371
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1895/0371
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Bfi2 IGINO BENVENUTO SUPINO

il vastissimo campo, che altre opere rimangono, intorno alle quali però non ci parve meri-
tasse il conto soffermarci. Ma intanto l'arte che con Nino si mantiene all'altezza cui l'aveva
saputa condurre Andrea, con Tommaso decade, e se in alcune opere di artisti rimasti finora
sconosciuti guizza ogni tanto un lampo di vita, passeggera e solitaria manifestazione di arti-
stica individualità, il movimento progressivo si arresta, e la produzione in generale si iste-
rilisce in forme viete e comuni, che ripetono, peggiorando, motivi e caratteri divenuti ormai
convenzionali.

E mentre il seme gettato dai Pisani germoglia e fiorisce a Firenze per opera di un altro
seguace di Andrea Pisano, l'Orcagna, a Pisa non resta che il glorioso ricordo di un inizio
e di uno svolgimento veramente meravigliosi.

Igino Benvenuto Supino.
loading ...