Archivio storico dell'arte — 2.Ser. 1.1895

Seite: 384
DOI Heft: 10.11588/diglit.19207.33
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19207.38
DOI Seite: 10.11588/diglit.19207#0393
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1895/0393
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile

384

NUOVI DOCUMENTI

Resta haver

Zuan del merlino, 1 de merin, de marin, (stuc-
catore) R. 38 gr. 1 d. G
» molinar di formionno 2 R. 5 » 1 » 6
» ortolan R. 2 » 4 —
» osto R. 28 » 4 » 5
Zuan pero malacria (malitia) R. 136 » 4 -—
» » dala poza3 R. 9 —
» dale piaze 4 R. 4 » 2 » 8
» pictor todesco R. 51 » 2 » 6
» Raif, tisler 5 R. 186 » 3 » 6
» de Santichol (muratore) R. 10 —
Zuanin da Calaunia 6 R. 0 » 3 » 0
» da Orzolago R. 4 » 2 » 11
Nei registri dai quali abbiamo tolti i sopra-
scritti nomi di maestri ed altre persone, impiegate
alla fabbrica del castello, vi si trovano ancora al-
cuni posti sommari, oppure dovuti a delle corpo-
razioni o chiese. Ne daremo qui pure un riassunto :
Chalchara de Romagnan

R. 125 L. 4 s. 3 d. 3
Caradori de Lavixi R. 3 » 3 » 3 —

lo Conto di colori R. 114 » 2 » 1 » 4

Conto del boro (oro) R. 63 » 2 » 6

Conto dele fontane L. 24 —

Saradurara a S. Marcilo R. 8 » 2 » 6

fabrica di Santa Maria R. 16 » 2 » 11

Ali liomeni de pine (Pine) R. 53 » 1 » 8
Conto dele soge (sege) R. 11 » 1 » 10

Lo zardino R. 28 » 2 » 2

Come somma delle spese va
indicata nei registri detti: R. 17849 » 2 » 11 » 4
Si termina questo quaderno col seguente rias-
sunto :

Dinarj RH (ricevuti) la Excellenza de m. Antonio
Taxino dal Rvd0 m. Tomaxo marsoner maiordomo
in più poste R. 17649 L. 2 gr. 6 —

Summa quelo ha exbor-
sato R. 17849 » 2 » 11 » 4

R. 200 » 0 » 5 » 44

1 Marlingen si chiama un paese nella Valle dell'Adige,
vicino a Merano.

- Formino è un paese nella Yalle del Chiese.

3 Pozza è un paese nella Yal di Fassa.

4 Piazze è un paese sulla cima del monte Pine, di-
stretto di Civezzano.

5 Zuan Raif si riconosce dal nome pure come te-
desco. Egli è nominato sempre dopo Zuan Horenle
(Hoernle), il cui compagno probabilmente era.

6 Calavino è un paese parrocchiale nella Yalle di
Cavedine, distretto di Yezzano.

Commentario.

Per dare infine un po' più di rilievo ai prin-
cipali personaggi e maestri, mentovati in questi
registri, terremo conto dell'insieme dei documenti
finquì pubblicati e delle somme toccate per paga-
mento ad ognuno di essi.

Tediamo toccare il più alto pagamento di più di
3085 fiorini renani, così detti Reinesi, a Domenico
Rizzo, il quale però non è da identificare col pittore
del medesimo nome, detto Brusasorci, perchè il primo
nella fabbrica del castello di Trento non apparisce
in altre funzioni se non come fattore.

Il maestro Andrea Crivelli, il quale nei presenti
registri non apparisce che con una paga di Rei-
nesi 26 L. 0 s. 10, ottenne però, come vedemmo
più sopra, a'2 di settembre 1528, una paga di R. 600
«per la obligation sua».

Sappiamo dall'altro canto che Lodovico Zaffran,
il primo ingegnere impiegato alla fabbrica, ottenne
200 R. come salario di un anno, dal 13 settembre
1527 fino al 13 settembre 1528.

La paga di 600 R. ad Andrea Crivelli, pochi
giorni prima che fosse decorso il termine per Lo-
dovico Zaffran, sembra perciò indicare, non sola-
mente che Andrea Crivelli, un noto architetto di
quei tempi, sia stato scelto come successore di Lo-
dovico Zaffran, ma anche che Andrea sia stato im-
piegato per tre anni di seguito. Da un documento
pubblicato più sopra apparisce inoltre che Andrea
Crivelli ai 13 di novembre fu pagato per un viaggio,
fatto da lui in compagnia di Lodovico Zaffran, per
la volta di Verona, per condurre da quella città
il « m° polo, taiapreda » di Verona. Pare dunque
che già nel 1527 egli abbia assistito l'architetto
Lodovico Zaffran nelle sue funzioni.

Vedremo poi risultare dagli ulteriori documenti
che Andrea Crivelli fungeva dopo difatti da capo-
maestro della fabbrica.

Quanto alle altre opere di Andrea Crivelli, sap-
piamo pure da documenti che nel 1537 fino al 1539
rifabbricò e rimodernò il Palazzo vescovile, così detto
Palazzo del Tribunale, a Cavalese nella Val di Fre-
men, e che negli anni 1537 e 1538 diresse i lavori
nel Castel Toblino, alle Sarche, il quale pure, come
quel palazzo, fu rimodernato dietro l'ordine del
Principe Vescovo, Bernardo Clesio.

Dal 1549 fino al 1554 Andrea Crivelli apparisce
come primo architetto e dirigente della fabbrica
della nuova chiesa di Corte (dei Francescani), eretta
a Innsbruck per contenere il mausoleo di Massi-
miliano I. Dopo il 1554 egli non viene più nomi-
loading ...