Arco, Karl  
Delle arti e degli artefici di Mantova: notizie (Band 2) — Mantova, 1857

Seite: 280
DOI Seite: Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arco1857bd2/0285
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
280

(10 e segu.) — Dei figli di Cesare il primo fu Girolamo padre di Antonio detto al 1685 procurator
montis pietatis et notarius Mantuae; il secondo Francesco esso pure notajo, e marito ad una dei Gazio ;
terza Susanna moglie di Gio. Dattista Ghirarducci mercante che la tratta honorevolmente con mantò e
carozza ad uso dè buoni cittadini; (così il Zucchi) e quarta Isabella rimasta vedova al 1669 di
Luigi Fedeli.

ALBERO 30 — Della famiglia di Bartolomeo, di Roberto e di Cesare Sacchi pittori.

(1) Bartolomeo

(2)

Roberto

1

Nicolò (4)

(3)

Cesare

1 1

(5) Ferrante Camillo (6Ì

I

(7) Annibale

(1) —• Bartolomeo soprannominato Domenedio nacque nel 1456, studiò pittura da Andrea Mantegna
e fu detto artista di vaglia dal Coddè, il quale però non appoggiò il proprio giudizio su nessuna opera del
Sacchi che fosse capace a dimostrare il suo valore nel dipingere. Morì al 1542 lasciando eredi delle sue
sostanze Roberto e Nicolò suoi figli.

(2 e 3) — Roberto come il padre detto Domenedio fu esso pure pittore e servì di ajuto a Giulio Ro-
rnano. Marito a Madonna Annunciata Obicelli morì al 1562 padre di Cesare. Costui trovasi al 1572 sotto-
scritto in un documento: teste D. Caesare filio quon. Ruberti Sacchi depinctoris. Come apparisce dal do-
cumento da noi riferito al N. 177 dovette egli pur essere pittore.

(4 e segu.) — Nicolò morì al 1555 e di lui furono figli Magnifici D. D. Camillas et Ferrandus. Da
quest’ultimo nacque Annibale che legatosi a voti sacri si intitola al 1619 reverendus pater et syndicus
vener. conventus Carmelitorum Mantuae.

ALBERO 31 — Delìa famiglia di Stefano Sanviti pittore.

(1) Francesco-Maria

I

(2) Pietro

_!_

! !

(3) Giovanni-Lodovico Orazio (4)

!- 1-ì

(5) Fulvio (6) Orazio Stefano (7)

(il secondo)

Giovanni-Pietro (8)

I

Cecilia (9)

(1 e 2) — Dei Bonvicini, antichi cittadini’Mantovani, Castellanus fu consiliarius comunis pro quar-
terio ferae al 1272, e sette anni dopo ebbe incarico di stabilire lega tra Mantova e le citlà di Verona e
loading ...